FOCUS Premier League – Il Leicester a un passo dal titolo, domenica può scrivere la storia

396
0
CONDIVIDI
Leicester

Nonostante le polemiche sull’espulsione di Vardy della scorsa settimana, la paura di vedersi sfuggire il titolo ad un passo dal traguardo, la forza del Tottenham in rimonta, il Leicester è riuscito a tirare fuori ancora una volta tutto l’orgoglio, la grinta e il potenziale di una squadra fantastica, vincendo probabilmente la partita più importante della propria storia. Un 4-0 allo Swansea che non lascia repliche, forse neanche abbastanza netto come ha detto il campo, dove la squadra di Ranieri ha tenuto in mano il gioco dal primo all’ultimo secondo, asfissiando la manovra dei gallesi, non certo arrivati al King Power sul piede di guerra, va detto, dominando su ogni palla e vincendo ogni contrasto. Il risultato, aperto dopo pochi minuti dal gol di Mahrez, oggi premiato come MVP della stagione di Premier, non è mai stato in discussione, anche per la straordinaria doppietta di Ulloa, che non ha tremato per il peso e la responsabilità che la squalifica di Vardy gli ha messo sulle spalle; il centravanti ex Brighton, quasi mai impiegato dal primo minuto in questo girone di ritorno, ha fatto appieno il suo dovere, segnando di testa prima, e chiudendo poi il match in spaccata nella ripresa, prima del definitivo sigillo di Albrighton.

WBA - Dawson
Il gol di Craig Dawson che forse consegnerà al Leicester il titolo di Premier League

La chiusura del cerchio è poi arrivata dal White Hart Line lunedì’ sera, dove il Tottenham di Mauricio Pochettino ha forse abdicato la sua corsa al titolo pareggiando in casa 1-1 contro il WBA. Quella paura di vincere che doveva attanagliare i Foxes di Ranieri ha colpito invece gli Spurs, non all’altezza delle precedenti apparizioni e incapaci di restare agganciati al treno biancoblù.

Protagonista è stato Craig Dawson, autore prima dell’autogol che ha portato in vantaggio i padroni di casa e poi del pari al 73′ che ha dato un punto prezioso al WBA e che tiene a -7 il Tottenham dalla vetta. Domenica prossima, in trasferta contro il Manchester United, il Leicester in caso di vittoria potrebbe davvero scrivere una pagina memorabile di storia vincendo la sua prima Premier League.

Alle spalle della coppia di testa, ormai irraggiungibile, rimane accesa la lotta per il terzo posto, fondamentale per evitare i preliminari di Champions: a quota 64 si trovano adesso Arsenal e Manchester City, con la squadra di Pellegrini avanti però per la differenza reti; a determinarla anche il netto 4-0 di sabato contro lo Stoke City, dodici gol subiti nelle ultime tre, maturato grazie alle reti di Fernando, Aguero e Iheanacho, che con una bellissima doppietta raggiunge la doppia cifra di marcature stagionali, un risultato sorprendente per un diciannovenne con così poche presenze da professionista in carriera. Rallentano invece i gunners, fermati sullo 0-0 allo Stadium of Light di Sunderland dalla squadra di Allardyce, in piena lotta per non retrocedere: nel complesso un pareggio giusto che serve per la verità poco a entrambe, ma che consente soprattutto ai black cats di tenere vive le speranze di salvezza, che in questo momento sarebbe comunque raggiunta.

Dele Alli
Dele Alli è stato nominato miglior giovane della Premier League per la stagione 2015/16

Lotta salvezza che interessa da vicino anche il Newcastle, in questo momento a -1 dagli odiati cugini biancorossi: i magpies hanno ottenuto un preziosissimo punto rimontando il doppio svantaggio ad Anfield Road, contro un Liverpool galvanizzato dal successo nel Merseyside Derby di mercoledì, pareggiando una partita che sembrava persa dopo le reti di Sturridge in apertura e Lallana. Per Benitez, acclamato dal suo vecchio stadio, la lotta continua, mentre Klopp dovrà ora concentrarsi sulle semifinali di Europa League in arrivo, visto che le già scarse possibilità di recupero sul quarto posto si sono infrante proprio nel match di sabato.

La vittoria del Leicester City sullo Swansea 4-0 – VIDEO 

A chiudere il quadro delle partite disputate in questo turno, che si era aperto con lo 0-0 tra Crystal Palace e Everton già quindici giorni fa e che si concluderà solo con i recuperi delle squadre impegnate in coppa, due sfide con molti gol: il Southampton, con Pellé in panchina per 90’, ha espugnato con il risultato di 4-2 il Villa Park di Birmingham, semi deserto dopo la matematica retrocessione dell’Aston Villa; a Bournemouth invece, dove la festa per la salvezza è iniziata da un pezzo, il Chelsea di Hiddink non ha avuto difficoltà a travolgere i locali con il punteggio di 4-1, grazie anche alla doppietta di Hazard, che dopo una stagione negativa sta cercando di ritrovarsi in vista degli Europei. Un risultato comunque inutile per i blues, che adesso potrebbero diventare l’ago della bilancia del campionato, visto che nel prossimo turno affronteranno il Tottenham in un caldissimo, e forse decisivo, derby di Londra.

Risultati Premier League offerti da Livescore.it

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS