CONDIVIDI
Facebook

Facebook sta diventando sempre di più il punto di riferimento per i contenuti multimediali. Non c’è dubbio che il social network fondato da Mark Zuckerberg sia il primo nemico dello storico contenitore video YouTube. I numeri, recentemente pubblicati da Facebook nel report sull’ultimo trimestre fiscale, sono molto chiari: ogni giorno vengono visualizzati più di 8 miliardi di video. Un dato impressionante che mette in evidenza la forte crescita di Facebook nei contenuti multimediali.

A dare ancora più valore ai dati pubblicati sono i tempi di crescita del social network. I risultati publicati oggi sono esattamente il doppio rispetto a quelli dello scorso aprile e otto volte superiori a quelli di settembre 2014. Un tasso di crescita importante considerando che attualmente Facebook è arrivata a 1,5 miliardi di iscritti di cui più di 1 miliardo attivo ogni giorno.

facebook video statistica

Visti i numeri è, però, importante fare alcune piccole precisazioni. Il sistema di conteggio delle visualizzazioni di Facebook è diverso da quello utilizzato da YouTube. La piattaforma di proprietà di Google conta una visualizzazione se il video è stato visto per almeno 30 secondi, Facebook ha fissato questo limite a solo 3 secondi e in più tutti i contenuti dispongono della funzione di autoplay che fa partire in automatico il video mentre l’utente scorre la sua News Feed.

Al di là di questa modalità di conteggio, che favorisce chiaramente Facebook in fatto di visualizzazioni, i numeri non possono certo passare inosservati. I dati sono la conferma delle recenti dichiarazioni dello stesso social network, che parlava di forte investimento nel settore dei contenuti multimediali attraverso lo sviluppo di nuove funzioni utili a rendere più semplice la visione dei filmati. Facebook ha tra i suoi obbiettivi quello di creare un luogo dove i suoi utenti possono trovare ogni cosa senza dover ricorrere a servizi esterni. Una piattaforma per comunicare, per trovare notizie, per effettuare acquisti, per i video, per giocare e altro ancora.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS