Serie A, 29a giornata: La Juve è Tévez dipendente, per il secondo posto è derby romano

127
0
CONDIVIDI

La vittoria della Juventus contro l’Empoli per 2-0 ha chiuso una 29a giornata di Serie A un po’ atipica vista la quasi contemporaneità di tutte le partite. Nel match delle 12.30 la Roma ha battuto il Napoli per 1-0 grazie al gol decisivo di Miralem Pjanić. Il bosniaco ha scaraventato in rete un cross perfetto di Alessandro Florenzi mandando in estasi il popolo giallorosso e facendo sprofondare i partenopei al sesto posto in classifica. Il discorso terzo posto sembra chiuso per la compagine di Benítez (sono 8 i punti di distanza dalla Lazio quando mancano soltanto 9 partite al termine del campionato) che dovrà concentrarsi sull’Europa League per centrare una qualificazione in Champions che arriverebbe soltanto in caso di vittoria del titolo europeo.

La Lazio trova la settima vittoria consecutiva in campionato e a farne le spese è il Cagliari di Zeman, penultimo in classifica. Vanno in gol Klose (31′), Sau (49′), Biglia su rigore (60′) e Parolo su punizione (90′).

Inzaghi e il Milan possono continuare a sorridere grazie alla vittoria per 1-2 contro il Palermo. Un gol di Ménez, il 16esimo in stagione, chiude la partita dopo la prima rete di Cerci e il momentaneo pareggio su rigore di Dybala. L’Inter di Roberto Mancini sprofonda in casa contro il Parma ultimo in classifica. I nerazzurri passano in vantaggio con un gol di Fredy Guarín ma si fanno riprendere da Lila prima dello scadere del primo tempo. Nella ripresa non riescono a trovare la rete del vantaggio e al termine della gara San Siro fischia come mai aveva fatto in questa stagione. La squadra si allenerà anche il giorno di Pasqua, è questa la punizione che Mancini ha voluto infliggere ai suoi.

Nello scontro diretto per il quarto posto la Fiorentina passa per 2-0 contro la Sampdoria in un campo al limite del praticabile causa pioggia. Succede tutto nella ripresa con Diamanti che apre le marcature al 61′ e con Salah che la chiude tre minuti più tardi.

 

Sassuolo – Chievo finisce 1-0 mentre Genoa-Udinese termina 1-1. Il Cesena rimane agganciato al treno salvezza dopo una incredibile rimonta contro il Verona di Mandorlini. Avanti di tre gol (grazie a una doppietta di Toni), i gialloblù si lasciano rimontare nella ripresa grazie alle reti di Carbonero (70′), Brienza (77′) e Succi (81′). Il Torino batte l’Atalanta ma il gol dell’1-2 di Mauricio Pinilla è un gioiello di rara bellezza.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS