Elezioni di metà mandato: Obama esce sconfitto, Senato e Camera ai repubblicani

265
0
CONDIVIDI

Le elezioni di metà mandato fanno sprofondare il presidente Obama. I repubblicani non solo si sono conquistati la maggioranza alla Camera e al Senato ma hanno anche scardinato la coalizione che nel 2008 e nel 2012 portò l’attuale presidente USA al comando. Il presidente Obama dovrà affrontare due anni davvero ricchi di insidie. Dovrà gestire il potere esecutivo sapendo di partire da una posizione di debolezza.

I primi exit poll davano già per spacciato l’attuale presidente degli Stati Uniti. I cittadini americani andati al voto si sono detti insoddisfatti di entrambe i partiti ma soprattutto dell’attuale amministrazione. In parole povere il voto di metà mandato si è trasformato in un vero e proprio referendum sull’operato di Obama.

Il controllo della Camera da parte dei repubblicani era scontato. Bisognava capire se anche il Senato sarebbe passato sotto il loro controllo. Gli bastavano sei seggi per togliere la maggioranza ai democratici e ci sono riusciti, anche con un ampio vantaggio.

Le lezioni del 2016 sono già iniziate. Obama rischia grosso e queste elezioni di metà mandato ne sono la prova. Dovrà fare molto in questi due anni ma la posizione di svantaggio non lo aiuterà certamente.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS