Marino firma 16 unioni gay; Alfano solo autografi

197
0
CONDIVIDI

Il sindaco Marino registra in Campidoglio 16 unioni omosessuali. Le unioni, trascritte nel registro comunale, erano già state celebrate in diversi paesi stranieri. Immediata la reazione del Ministro dell’Interno Alfano, dal quale, lo scorso 7 ottobre, è stata emanata una circolare secondo la quale i matrimoni celebrati all’estero tra persone dello stesso sesso non sono validi in Italia.

La contrapposizione tra Ministro dell’Interno e Sindaco della Capitale sulla registrazione delle unioni omosessuali restituisce la cifra della tensione ideologica presente nel nostro Paese, oltre che nelle Istituzioni, sul tema. Il prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, ha immediatamente avvisato Marino: «Cancelli o si procederà all’annullamento».

Netta la presa di posizione della Chiesa, per la quale, gli atti di Marino rappresentano una «scelta ideologica che certifica un affronto istituzionale senza precedenti» basata su una «mistificazione sostenuta a livello mediatico e politico», così la diocesi di Roma. Intanto dalla maggioranza di governo, il vicesegretario nazionale del Pd, Guerini, annuncia: «C’è un dibattito in corso che riguarda la regolamentazione dei diritti delle persone e le convivenze. Il Governo vuole andare avanti su questo e mi pare ci sia la possibilità di trovare un accordo in Parlamento».

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS