Nomine Ue: Mogherini Lady PESC

119
0
CONDIVIDI

«Sono molto grata per la fiducia, mi aspettano sfide immani», questo il commento a caldo di Federica Mogherini per la nomina ad Alto rappresentante alla Politica Estera e alla Sicurezza Comune della Ue. “Ora impegno totale”. “Tutto il mio lavoro, le mie energie e la mia dedizione saranno dedicate a operare nell’interesse di tutti gli stati membri e di tutti i cittadini europei”, ha dichiarato il ministro degli Esteri italiano.

Per Herman Van Rompuy Mogherini «è’ stata in prima linea in questo momento così difficile a livello internazionale. Siamo certi che confermerà il grande impegno europeista dell’Italia. È il nuovo volto dell’Europa»Laureata in Scienze politiche, tesi sul rapporto tra religione e politica nell’Islam, comincia a fare politica nella Sinistra giovanile nel 1996. Dal 2003 al dipartimento Esteri dei Ds, si è occupata negli anni scorsi dell’adesione del Pd al Pse.

Soddisfatto il presidente del Consiglio Renzi, che ha sostenuto con forza, fin dal primo momento, la candidatura di Mogherini a Lady PESC. Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, si congratula: «L’Italia ha ottenuto un importante riconoscimento e, soprattutto, ha dato un positivo contributo alla soluzione del problema dei nuovi incarichi di vertice dell’Unione Europea».  «Sono 20 anni che sono coinvolta negli affari esteri ed europei, ho un po’ di esperienza istituzionale ma penso che l’esperienza che si matura attraverso il lavoro e la società civile sia altrettanto importante».

«Ho 41 anni, non sono giovanissima, ma l’età non si può cambiare. Quello che mi dà conforto è che il premier Renzi è più giovane di me, altri ministri europei lo sono, c’è una nuova generazione di leader europei e questo è molto positivo», esordisce Mogherini. In carica dal 1° novembre, la nuova Lady PESC sarà  anche vicepresidente della Commissione e parteciperà ai lavori del Consiglio europeo.

Eletto a Presidente del Consiglio Ue Donald Tusk: “Coniugare disciplina di bilancio e crescita è una sfida possibile, in Polonia lo abbiamo fatto, non c’è contraddizione, e cercheremo di raggiungere questo obiettivo anche in Europa”, così il premier polacco. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS