Batteria: Applied Materials pensa allo stato solido

798
0
CONDIVIDI

Ben presto le batterie potrebbero immagazzinare il doppio dell’energia rispetto ai modelli attualmente presenti su smartwatch, smartphone, tablet e persino su auto elettriche. Tutto merito delle batterie a stato solido, già utilizzate su sensori wireless ma troppo costose per essere utilizzate altrove. Applied Materials, uno dei maggiori fornitori di apparecchiature al mondo per l’industria dei semiconduttori, dice di essere in grado di realizzare batterie a stato solido molto più economiche.

Nelle batterie a stato solido gli elettroliti liquidi, normalmente utilizzati nelle batterie agli ioni di litio, vengono sostituiti con quelli solidi. Eliminando l’elettrolita liquido, che è infiammabile, si può anche migliorare la sicurezza delle batterie. La sfida è ovviamente relativa alla produzione su larga scala di queste nuove batterie.

Se riusciranno a realizzare ciò che dicono saranno in grado di facilitare i lavori alle aziende che producono dispositivi indossabili. Le batterie allo stato solido sono infatti più facili da realizzare in forme diverse.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS