Smartphone: Samsung raccomandata nel 63 % degli acquisti

983
3
CONDIVIDI

KANTAR WORLDPANEL, società leader nelle ricerche di mercato e nell’analisi degli acquisti, ha diffuso in questi giorni un report sulle vendite di smartphones negli Stati Uniti per il primo trimestre 2014. Lo studio, come affermato da Kantar Worldpanel : ” mette in luce ciò che dà forma alla tappa finale del processo di acquisto smartphone per i consumatori negli Stati Uniti, dove il livello di maturità e della natura altamente competitiva del mercato lo rendono particolarmente impegnativo per i fornitori”. Gli smartphone si attestano al 76% del totale sulle vendite di telefoni cellulari e anche se i consumatori riconoscono come familiare il termine smartphone, solo il 30% di essi non ha condotto alcuna ricerca prima dell’acquisto di un nuovo dispositivo.

Per il 70% dei consumatori che fanno delle ricerche prima dell’acquisto restano importanti i condizionamenti ed i consigli. Un quinto del totale ha avuto come riferimento gli assistenti del negozio prima della scelta e un quarto si è affidato ai consigli degli amici. Se le grandi catene di negozi di elettronica temono che il loro servizio si riduca allo showrooming, al mostrare cioè i dispositivi esposti agli utenti, che li provano dal vivo per poi deciderne l’acquisto altrove, i dati mostrano invece che il 64% degli utenti americani acquista prodotti in un negozio fisico. Con solo il 24% degli acquisti fatti on-line, pare più opportuno parlare di webrooming che di showrooming. 

I dati interessanti emergono però dal confronto tra le raccomandazioni all’acquisto relative ai vari marchi del panorama smartphone. Al 63% dei consumatori è stato consigliato il marchio Samsung. A meno della metà, circa il 30%, è stata suggerita Apple e solo al 6% Nokia. Una sproporzione di 10 a 1 tra 2 marchi protagonisti del mercato non può che far riflettere gli osservatori. Diverso il discorso per il marchio Apple. Il più delle volte i consumatori della casa di Cupertino sono orientati direttamente ed autonomamente alla scelta di un device della mela morsicata. E’ la stessa Kantar Worldpanel a precisarlo nello studio in questione: “I consumatori che acquistano i modelli di Apple iPhone sono quelli che fanno la minor quantità di ricerca pre-acquisto. Questo perché i fan di Apple sanno che stanno andando a prendere un iPhone e non hanno bisogno delle raccomandazioni di nessun altro…”.

Tuttavia le raccomandazioni ed i consigli hanno avuto un enorme impatto sulle vendite di dispositivi Samsung. Su una percentuale del 63% di suggerimenti per smartphone Galaxy, ben il 59% dei consumatori ha effettivamente scelto di comprare Samsung. Del 30% dei suggerimenti per Apple solo il 6% si è concretizzato in acquisto reale. I motivi di tali differenze sono da ricercare nel prezzo realmente elevato di iPhone, nella politica di sovvenzioni per i rivenditori portata avanti da Samsung (che resta comunque un marchio riconoscibile al pari di Apple) e dal timore di un eccessivo potere della Mela, che, con iOS non molto lontano da Android, detiene il 42% del mercato.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS
  • Peppe0195

    Ma per favore, Samsung è la marca peggiore fra gli Android. Veramente, come fa a piacere un telefono che a meno che non gli spendi minimo 300€, non ti supporta negli aggiornamenti e non è fluido manco nei messaggi? Marca più sopravvalutata di sempre…

    • Questo sicuramente. Samsung più che produrre ottimi device con un buon rapporto qualità/prezzo ha speso cifre enormi sul marketing. A quanto pare, si sono resi conto che creare ottimi device (parlo fascia medio/bassa) non dà gli stessi frutti che pubblicizzarli tralasciando la qualità.

      • Peppe0195

        Quotissimo. Infatti io in giro vedo tantissima gente con questi Samsung da 100-200€ e ne sono pure felici (buon per loro). Però quando vanno su Facebook e scrollano, l’app gli gira a tipo a 5 frame… come faranno a sopportarlo? Ma andassero verso marche come Sony/LG/Motorola, o in alternativa su Windows Phone, piuttosto che acquistare un prodotto di una marca che davvero, di qualità a chi spende poco, ne da poca…