Gmail API, la rinascita delle e-mail

2634
0
CONDIVIDI

E-mail, quel servizio considerato fino a qualche anno fa qualcosa di innovativo, in grado di rivoluzionare il mondo. Questo servizio ha rivoluzione il sistema, questo è certo, ma si trova ora di fronte ad un bivio. Il mondo degli smartphone, dei tablet e di tutte le applicazioni che ci girano attorno hanno cambiato il nostro modo di vivere e interagire con diversi servizi. Le e-mail sono diventate, in poco tempo, un servizio che non si integra perfettamente con applicazioni di tutti i giorni. Tutto questo è dovuto dalla difficoltà nel creare, da parte di sviluppatori terzi, il codice necessario per recuperare informazioni necessarie a quel determinato progetto.

Google è corsa in soccorso di questi sviluppatori annunciando “Gmail API”, una serie di Application User Interface che permetteranno a tutti gli sviluppatori di gran parte delle piattaforme attualmente presenti di interagire con il client di posta elettronica Gmail senza però scrivere tutto quel codice che fino a questo momento era davvero difficile da sviluppare.

La reazione, sopratutto da parte dei grandi team, creatori di app famose in tutto il mondo, è stato positivo ma anche negativo: queste API infatti non “contengono” Gmail al 100% ma solo una piccola parte e possono essere utilizzate fino ad un numero massimo di chiamate al giorno. A parte questo, il servizio offre ciò che la maggior parte degli sviluppatori cerca.

Staremo a vedere come questa “rinascita” delle e-mail sarà integrata nei servizi di oggi giorno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS