Germania-Brasile, tedeschi in coro: “Vogliamo la finale”

106
0
CONDIVIDI

 

Domenica di preparazione per la Germania di Joachim Löw, che si appresta a disputare la sua quarta semifinale mondiale consecutiva, con la speranza di poter tornare a disputare quella finale che manca dal 2002, quando i panzer furono sconfitti ad un passo dal trionfo da una doppietta del fenomeno Ronaldo. Dal blindatissimo ritiro ieri sono stati in tanti a rilasciare dichiarazioni, e ovviamente tutti si sono detti concentrati sull’imminente partita contro i padroni di casa che si disputerà domani sera a Belo Horizonte.

Bastian Schweinsteiger, il guerriero del centrocampo tedesco,  ha voluto comunicare dispiacere di tutta la squadra per l’infortunio che ha messo fuori causa l’asso brasiliano Neymar:

Siamo vicini al giocatore; senza di lui a perdere sarà lo spettacolo, i grandi campioni dovrebbero sempre in campo.

Il vice capitano si è poi soffermato sul peso che l’assenza dell’attaccante del Barcellona potrà avere sulla partita:

Ovviamente il Brasile perderà molto con lui, ma la sua mancanza potrebbe dare ai giocatori qualcosa in più, per cui affrontarli sarà ancora più dura.

Infine una conferma sulla propria condizione fisica, dopo che nella fase a gironi il forte centrocampista aveva pagato l’infortunio di fine stagione, vedendosi preferire almeno in avvio la coppia Lahm-Khedira.

Ora sto bene, e sono fisicamente al 100%; se dovesse essercene la necessità, sono pronto a stare in campo anche 120 minuti.

Anche Mats Hummels, l’uomo che con il suo gol contro la Francia ha portato la Germania in semifinale, ha esaltato l’avversario in vista della partita:

Giocare contro il Brasile nel suo paese sarà difficile, batterlo sarà una delle sfide più difficili del mondo; ma adesso questo non può avere importanza, dobbiamo essere concentrati solo sulla possibilità di arrivare in finale.

Infine ha parlato anche Klose, che spera di essere confermato dopo il quarto di finale disputato da titolare:

Sarà dura, ma penso che questa volta abbiamo veramente la possibilità di arrivare in fondo, ha dichiarato l’attaccante, che le tre semifinali precedenti le ha vissute tutte in prima persona.

L’attesa per la sfida di domani sera è enorme e continua a crescere; il tecnico Low non si è sbottonato sulla formazione, ma pare che verranno riconfermati gli undici che hanno iniziato contro la Francia; la sensazione diffusa è che l’avversario di domani non sarà solo una squadra di calcio, bensì un popolo intero, ma in casa Germania regnano l’ottimismo e la consapevolezza di essere pronti, e di avere tutte le carte in regola per sfatare il tabù che li vede sempre sconfitti nelle ultime semifinali; al campo l’ardua sentenza.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS