“L’azienda più rispettata al mondo”

630
0
CONDIVIDI

La crisi sembrerebbe esser svanita nel nulla, soprattutto dopo la conferenza annuale per gli sviluppatori, il WWDC 2014, che ha riportato in Apple un importante ottimismo, diviso fra investitori, analisti, consumatori e fan. La società di Cupertino è sempre più vicina al vero ‘post-Jobs‘, cioè quella fase storica che le permetterà di staccare una volta per tutte il cordone che la collega al suo, ormai defunto, creatore. Questo si traduce, come abbiamo potuto vedere circa un mese fa in quel di San Francisco, più precisamente al Moscone Center, in prodotti, sia hardware che software, più freschi e adatti ad un mercato che sta evolvendo ad una velocità impressionante. E siamo solo all’inizio.

Secondo gli ultimi dati della classifica stipulata da Barron, Apple sarebbe nuovamente al primo posto fra le “aziende più rispettate al mondo” con un punteggio che scavalca qualsiasi indiscrezione o dubbio. Lo scettro è stato rubato a Berkshire Hathaway, importante società assicurativa americana, una fra le più potenti al mondo, con a capo il miliardario Warren Buffet. Apple,dal 2007 al 2012 aveva sempre vinto, mentre nel 2013 aveva perso posizioni per colpa delle tante critiche sull’uscita dei prodotti, divenendo terza. La colpa di tutto ciò era anche dell’attività borsistica, che si trovava in perdita come mai dal 1996. Nel corso degli ultimi mesi, però, il titolo ha guadagnato oltre il 60% e le vendite di tutti i dispositivi si sono rivelate sopra le aspettative.

La rivista ha dato credito per l’inversione di tendenza degli investitori di Apple, come ad esempio un aumento del dividendo, uno stock split di 7 a 1 e un programma rafforzato di riacquisti di azioni proprie. Con Apple al primo posto e Berkshire in seconda posizione, il resto della top five è un mix di tradizionali società potenti e aziende informatiche. Aircraft, padrone di Boeing, ha afferrato il terzo posto, mentre Google ha mantenuto la sua quarta posizione. Il punteggio di Apple, nel sondaggio di Barron, è stato 3,94 su un massimo di 4, con Berkshire relativamente lontano a 3,58. La società di Tim Cook ha ricevuto anche un ottimo proporzionale fra il ‘Rispetto’ e il ‘Non rispetto’.

Queste le parole di Ina Fernandez, Managing Director di Liberty Capital Management, che si è espressa sulla nuova tendenza che mette sotto i riflettori Apple:

“Non c’era nessuno come Steve Jobs, ma Cook ha fatto bene, ha sviluppato nuovi punti di forza e ha messo a nudo le vere capacità operative. Amo i prodotti Apple, ho un iPad e ha rivoluzionato la mia vita”.

Questi importanti segnali danno la benzina adatta per l’arrivo dei nuovi dispositivi a settembre, mese in cui troveremo una Apple rinnovata sotto molti punti di vista, ma principalmente sulla propria filosofia di prodotto, che concentrerà maggiormente hardware e software, per combattere l’accattivante sfida lanciata da Google durante l’I/O 2014 con i nuovi smartwacth e, soprattutto, Android L.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS