Greg Christie racconta alcuni aneddoti sul primo iPhone

1058
0
CONDIVIDI

In questi mesi stanno andando avanti diversi processi tra Apple e Samsung per la questione brevetti. Durante tali, stanno emergendo sempre più informazioni a riguardo della nascita di vari prodotti e ai segreti di Apple. L’ultima storia venuta a galla riguarda lo sviluppo del primo iPhone e a raccontarla è Greg Christie ex ingegnere Apple appartenente al team dell’iPhone 2G.

Per lo più si tratta di un paio di aneddoti che però si possono ritenere anche abbastanza interessanti. Ad esempio, nel 2005 il team di Christie si stava occupando dell’organizzazione del dispositivo e delle varie funzioni. Christie racconta come vigesse la regola “o lo fai o sei fuori”, che più o meno tutti conosciamo grazie a Jobs. Chiunque non riuscisse a rispettare una scadenza o a non farsi venire in mente un’idea era fuori dal progetto. L’ingegnere ci racconta anche di come venne ingaggiato in questo progetto. A chiamarlo fu nel 2004 Scott Forstall, che arrivò nel suo ufficio – mentre lavorava al software di Mac OS – e gli chiese se volesse partecipare ad un progetto segreto chiamato “purple”. 

Infine, nel rapporto, Greg Christie spiega come Steve Jobs tenesse alla segretezza di tutto questo lavoro, perché non voleva far sapere nulla prima del Keynote.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS