Norimberga e Leverkusen, ora o mai più

69
0
CONDIVIDI

Domenica di fuoco in Bundesliga dove vanno in scena due scontri delicatissimi per la lotta salvezza e la zona Europa. Il primo match alle 15.30, vede di scena Norimberga e Eintracht Francoforte, chiamate entrambe alla vittoria per conquistare punti preziosi nella lotta per non retrocedere. Se il Francoforte ha ancora un buon margine sulla terzultima, i padroni di casa sono con l’acqua alla gola e devono assolutamente vincere per abbandonare il penultimo posto in classica dopo due sconfitte consecutive contro Werder Brema e Amburgo. Il problema per gli uomini di Verbeek sono gli infortuni che da tempo hanno costretto il tecnico olandese a schierare ogni domenica una formazione d’emergenza. Anche stavolta giocherà in avanti Pekhart con lo svizzero Drmic che agirà da esterno destro. Unica nota lieta il rientro in squadra di Pogatetz che partirà dalla panchina. Francoforte che invece vuole chiudere il discorso salvezza e si presenta al Grundig Stadion con una formazione d’assalto con Joselu prima punta e Rosenthal, Inui e Aigner a supporto. Armin Veh, come dichiarato anche in settimana, vuole iniziare a guardare la classifica solamente avanti.

A Leverkusen si gioca invece per la Champions League, competizione che i padroni di casa devono difendere dall’assalto di M’gladbach e Wolfsburg. Dopo un periodo nerissimo fatto di 7 sconfitte e 1 pareggio nelle ultime 8 partite, il Bayer è costretto a vincere se non vuole buttare al vento un intero campionato. Hyypia, anche se la società nono dice apertamente, se non riesce a trovare il bandolo della matassa rischia seriamente il posto. Per superare un ostico Hoffenheim, i rossoneri si affidano alla formazione tipo con il tridente Sam-Kiessling-Son che vuole tornare ad entusiasmare la BayArena come faceva ad inizio campionato. Ultima vittoria del Bayer è targata 7  febbraio. Di contro ci sarà un Hoffenheim che viene da due sconfitte consecutive e che deve dare un senso al suo campionato. Se arriva un’altra sconfitta i biancoblù di Gisdol devono cominciare a guardarsi anche alle spalle. Al contrario, se dovesse arrivare almeno un punto contro il Bayer, si potrebbe continuare a giocare un campionato tranquillo cercando di togliersi qualche soddisfazione. Dopo le 4 reti subite in casa dal Mainz,  Gisdol non vuole subire l’ennesima valanga di gol in stagione e per questo schiera una squadra più corta con Modeste (o Schipplock) in avanti e un folto centrocampo a supporto. probabile una staffetta tra Volland e Firmino con l’inserimento in mediana di Elyounoussi. Considerando la propensione offensiva di entrambe le squadre, ci attendiamo una gara ricca di gol ed emozioni. Stavolta, vista la rete fantasma dell’andata che scatenò un putiferio di critiche contro Kiessling e contro la terna arbitrale, si spera che non ci siano più problemi di questo genere. Le reti della BayArena sono state cucite alla perfezione. 

 

Norimberga: Schafer; Angha, Pinola, Petrak, Plattenhardt; Frantz; Drmic, Feulner, Kiyotake, Hlousek; Pekhart.  All. Verbeek

Francoforte: Trapp; Jung, Russ, Zambrano, Oczipka; Schwegler, Flum; Aigner, Rosenthal, Inui; Joselu.  All. Veh

 

Bayer: Leno; Hilbert, Toprak, Spahic, Boenisch; Bender, Rolfes, Can; Son, Kiessling, Sam.  All. Hyypia

Hoffenheim: Casteels; Johnson, Sule, Vestergaard, Beck: Rudy, Polanski, Salihovic; Firmino; Volland (Elyounoussi). Modeste.  All. Gisdol

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS