Bayern senza problemi, 1-1 e quarti di finale

64
0
CONDIVIDI

Bayern Monaco – Arsenal   1-1

 

Bayern: Neuer – Alaba, Dante, Martínez, Lahm (K) – Thiago, Schweinsteiger – Ribéry, Götze, Robben – Mandzukić.  All. Guardiola

Arsenal: Fabianski – Sagna, Mertesacker, Koscielny, Vermaelen – Arteta – Oxlade-Chamberlain, Cazorla, Özil, Podolski – Giroud.  All. Wenger

Arbitro: Sveir Oddvar Moen (NOR)

Marcatori: 54′ Schweinsteiger, 57′ Podolski

 

E’ un vero peccato che Bayern Monaco e Arsenal debbano sempre incontrarsi agli ottavi di Champions League. Vederne una delle due fuori dalle “magnifiche” otto d’Europa, è una piccola sconfitta per tutti gli amanti del calcio. Anche questa volta a Monaco lo spettacolo l’ha fatta da padrone, con due gol, uno annullato, un rigore sbagliato e la star del momento in Germania, Uli Hoeness,  ad esultare in tribuna come un ragazzo di curva.

Non è bastato un generoso Arsenal per ripetere il miracolo dello scorso anno, quando gli inglesi vinsero 2-0 all’Allianz Arena spaventando i futuri Campioni d’Europa. Nonostante la buona verve dimostrata, i Gunners non hanno mai dato l’idea di poter ribaltare il risultato dell’andata. Guardiola non è stato ad aspettare la reazione degli uomini di Wenger e dal primo minuto ha disegnato un Bayern ultra offensivo con Lahm terzino e Thiago in mediana con Schweinsteiger a supporto di Ribery, Robben, Gotze e Mario Mandzukic. Se la migliore difesa è l’attacco, il tecnico spagnolo non ha sbagliato nulla e i biancorossi tedeschi fin dai primi minuti hanno fatto la gara sfiorando la rete con Ribery e vedendosi annullare una rete a Martinez per fuorigioco.

Le reti sono arrivate però ad inizio secondo tempo con Schweinsteiger al 54′ che si infila centralmente sul taglio di Mandzukic mettendo in rete da pochi metri. Neanche il tempo di esultare e dopo appena 2′ è proprio Lukas Podolski a trovare la rete del pareggio con sinistro da posizione defilata che si infila sotto l’incrocio. Al 93′ c’è anche tempo per vedere il rigore sbagliato da Thomas Muller, che si fa parare da Fabianski il tiro del 2-1. Forse è giusto così per i valori visti in campo oggi.

Il Bayern vola ai quarti di finale, cercando di ripercorrere la splendida cavalcata della scorsa stagione. Per la 14.a volta, i bavaresi sono ai quarti di Champions League.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS