HTC: ecco come la tecnologia farà evolvere il calcio

1074
0
CONDIVIDI

Mentre noi italiani siamo ancora pronti a discutere sulla possibile introduzione della moviola in campo, la ricerca intitolata “Il Futuro del Calcio“, condotta da HTC in collaborazione con Futurizon, ha previsto come la tecnologia cambierà lo sport più popolare del mondo il calcio nei prossimi 50 anni. Lo studio, unico nel suo genere, ha ipotizzato 30 scenari di cambiamento per il calcio da qui al 2060, stimando l’arrivo di calciatori androidi (con pacchetti di informazioni incorporate anche nelle lenti a contatto) e simulazioni 3D capaci di superare la realtà stessa. Con gli smartphone al centro dell’esperienza dei tifosi ai giorni nostri, la ricerca “Il futuro del calcio” approfondisce anche la futura fruizione on-the-go delle partite su dispositivi mobili.

Secondo la ricerca, condotta da Futurizon, agenzia rinomata in previsioni sul futuro, coloro che trarranno più beneficio dalla crescente influenza della tecnologia nel calcio saranno i tifosi.

  • Tra 5 anni: saranno disponibili app che permetteranno ai tifosi di mettersi in contatto direttamente con i calciatori e di coordinarsi con altri tifosi per supportare al meglio i loro beniamini con coreografie sugli spalti, migliorando lo spettacolo del calcio e portando i fan sempre più vicini alle squadre e ai calciatori. L’integrazione delle app con i social media e con gli aggiornamenti dei risultati delle partite in tempo reale,  renderà le applicazioni mobili uno strumento indispensabile per seguire ogni match;
  • Tra 15 anni: l’avvento di telecamere-insetto e kit di ripresa applicati sulle maglie dei giocatori offrirà un’esperienza di visione delle partite da casa del tutto innovativa ed estremamente coinvolgente;
  • Tra 55 anni: la tecnologia della realtà aumentata la farà da padrona e permetterà ai tifosi di controllare, direttamente dal proprio divano, robot umanoidi a grandezza reale offrendo un’esperienza sensoriale unica e la sensazione di essere sul campo da gioco.

Anche il gioco stesso sarà totalmente trasformato dall’avvento di innovazioni tecnologiche che permetteranno a club e giocatori di gestire un maggior numero di dati e informazioni preziose per migliorare ulteriormente le loro prestazioni.

  • Tra 5 anni: sensori d’urto e accelerometri saranno regolarmente inseriti nei palloni e nelle scarpe da calcio per permettere una misurazione precisa dell’impatto sulla palla e della potenza del tiro, agevolando anche le decisioni arbitrali;
  • Tra 20 anni: la tecnologia conquisterà anche i corpi dei calciatori. Frammenti elettronici verranno impressi sulla pelle dei giocatori, come veri e propri tatuaggi, permettendo di collegare i sistemi nervoso e sanguigno a dispositivi esterni in grado di elaborare analisi complesse, e sempre più precise, che aiuteranno a migliorare le prestazioni di gioco;
  • Tra 25 anni: l’avvento di speciali lenti a contatto supporterà arbitri e guardalinee permettendo loro di visualizzare le azioni di gioco da qualsiasi angolazione, utilizzando zoom in e zoom out – e potenzialmente anche in 3D.

Il Dott. Ian Pearson, futurologo e autore della ricerca in questione afferma:

“Il calcio è uno sport basato sul coinvolgimento e la partecipazione diretta del pubblico. La tecnologia è sempre stata utilizzata per migliorare sia la qualità del gioco sia la partecipazione dei tifosi, da casa e allo stadio. Nei prossimi anni vedremo che la tecnologia applicata al calcio farà passi da gigante rendendo disponibile sul campo da gioco una quantità di dati, ad oggi impensabili, e rendendo sempre più incredibilmente ricca da un punto di vista di realismo sensoriale l’esperienza di visione del pubblico da casa.”

Di seguito un riepilogo (ovviamente futuristico) delle tappe che il calcio dovrà compiere per adeguarsi al progresso della tecnologia:

  • 2020 – Telecamere regolarmente integrate nelle divise dei calciatori
  • 2025 – Sensori di impatto e accelerometri integrati nei palloni e nelle scarpe dei calciatori
  • 2025 – Dispositivi per la realtà aumentata disponibili per gli arbitri e i guardalinee
  • 2030 – Mini-telecamere a forma di insetto seguiranno le azioni di gioco
  • 2035 – L’allenatore disporrà di informazioni fisiologiche in tempo reale sui calciatori
  • 2040 – I giocatori robot diventeranno d’uso comune
  • 2045 – Simulazioni di tiri e di tattiche di gioco utilizzate durante gli allenamenti
  • 2050 – Simulazioni sensoriali complete daranno ai fan la sensazione di vivere l’esperienza di gioco
  • 2055 – Campionati virtuali con giocatori on-line che si scontreranno in partite “reali”
  • 2060 – I tifosi potranno gestire da remoto giocatori full android

MDXXX_HTC_Infographic_final8

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS