Galaxy Gear: perché acquistarlo, perché evitarlo [Video]

2110
0
CONDIVIDI

Forse, e sottolineiamo forse, Samsung potrebbe presentare al prossimo evento Unpacked di Barcellona, che si terrà il 24 febbraio, un nuovo Galaxy Gear di seconda generazione. Questo almeno ci dicono le fonti del The New York Times, sempre ben informate in materia. Noi di TechGenius abbiamo avuto la possibilità di provare in prima persona il modello di prima generazione, ovvero il Galaxy Gear che oggi trovate tranquillamente nei negozi.

Lo abbiamo provato per una ventina di giorni circa, poiché volevamo farci un’idea chiara di ciò che questo nuovo dispositivo indossabile aveva la possibilità di offrire ai consumatori. Abbiamo così deciso di non fornirvi la classica recensione, anche visto l’eccessivo ritardo nella pubblicazione, ma bensì una nostra opinione sul perché acquistarlo o perché evitarlo.

Perché acquistarlo

Vi diciamo di acquistare il Galaxy Gear (ovviamente se siete utenti Note 3 o Galaxy S4) per le notifiche. Già, le tanto amate e odiate notifiche. Quante volte vi è capitato di dover tirare fuori dalla tasca il vostro dispositivo mobile per leggere una notifica appena arrivata? Sempre. Tra Facebook, Twitter, social vari, messaggi e siti internet è un vero e proprio bombardamento. Il Galaxy Gear può però venirci in aiuto grazie alla visualizzazione delle notifiche via polso. Vi basterà inclinare l’orologio per vedere la notifica appena arrivata, capendo così immediatamente se si tratta di qualcosa di trascurabile oppure da leggere immediatamente.

Questo orologio è utile anche durante una chiamata. Immaginate di essere in auto, ricevete una chiamata e invece di tirar fuori dalla tasca il dispositivo, con conseguente distrazione assicurata, potete rispondere direttamente dall’orologio smart di Samsung. Ero scettico sulla reale utilità di questo “utilizzo telefonico”, ma devo ammettere che mi è tornato utile più di una volta.

Anche la funzionalità orologio classica non è affatto male, dato che non solo mette a disposizione l’ora, ma anche previsioni del tempo e data.

Galaxy Gear Samsung

Perché non acquistarlo

Sono tre i motivi che mi spingono a non consigliarvi l’acquisto di questo Galaxy Gear. Partiamo dal più importante, la compatibilità. Pochi dispositivi supportano questo orologio, per di più solo Samsung. Se fosse stato supportato anche da altre marche sono sicuro che il successo di questo orologio smart sarebbe stato incredibile. Anche il prezzo proprio non mi va giù. Capisco la tecnologia che c’è dietro questo prodotto, ma che utilità ha quella fotocamera posta sopra al cinturino? Non serve praticamente a nulla, per non parlare poi del terribile impatto estetico che ha su un dispositivo dal design comunque niente male. Togliendo la fotocamera si poteva abbassare il prezzo almeno di 50€, rendendolo così più accessibile.

L’ultimo motivo che mi spinge a sconsigliarvi l’acquisto di questo Gear è la batteria. Non perché dura poco, sia chiaro. Durante le nostre prove siamo arrivati anche a 6 giorni di utilizzo con una sola ricarica. Ho trovato però scomodo il dover rendere conto ad un’ulteriore batteria durante il mio vivere quotidiano. Già tenere d’occhio lo stato di ricarica di smartphone e tablet è una vera impresa, se poi ci si mette pure il nostro orologio allora siamo fritti.

 

Vi lasciamo ad un video.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS