Crimine informatico: allarme per la Coppa del Mondo in Brasile

548
0
CONDIVIDI

Il 2013 sta per volgere al termine e come ogni fine anno che si rispetti, è tempo di previsioni per l’anno a venire. G Data ha pubblicato un report dove fa un po’ il quadro della situazione per quanto riguarda lo stato del crimine informatico nel 2014. Il 2013, dal punto di vista del crimine informatico, è stato un anno segnato da un drammatico incremento dei malware per Android, da una grande quantità di pericolosi malware per computer e da sofisticate campagne di eCrime.

Nel 2014 il trend in questione non cesserà, anzi, continuerà ad aumentare il numero di programmi malware per computer. Secondo gli esperti di G Data, uno dei più importanti eventi segnato in rosso sul calendario dei cyber criminali è l’attesa Coppa del Mondo di Calcio in Brasile. Nei mesi precedenti e durante il suo svolgimento ci potrebbe essere un sensibile incremento nelle frodi nelle campagne malware e spam orchestrate intorno a questo evento. Gli SMS a tariffe premium, invece, diventeranno meno significativi per le nuove versioni Android grazie ai nuovi meccanismi di sicurezza introdotti. I criminali si concentreranno inoltre sul furto di dati personali e sulla costruzione di botnet mobili. Ecco nel dettaglio le previsioni di G Data.

Ralf Benzmüller, Head of G Data SecurityLabs, ha dichiarato:

“Dal punto di vista dell’eCrime il 2014 sarà l’anno del furto dei dati dei dispositivi mobili. Questo perché le frodi riguardanti servizi a tariffazione premium saranno più complicate da attuare con l’aumento della distribuzione delle nuove versioni di Android. Per questo motivo ci aspettiamo che vengano realizzate botnet per smartphone, per distribuire, per esempio, SMS di spam. L’anno prossimo gli appassionati di calcio saranno certamente nel mirino dei cyber criminali. Ci aspettiamo campagna di spam e frodi mirate che potranno, per esempio, offrire falsi biglietti per le partite.”

L’arrivo sul mercato di nuovi prodotti, come Google Glass, Smart TV e SmartWatch, potrebbe rappresentare un’occasione più che ghiotta per i cyber criminali, pronti a sviluppare nuove tattiche fraudolente con le quali ingannare i consumatori.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS