Apple continua a rifiutare app che usano Bitcoin

779
0
CONDIVIDI

Sin dallo scorso anno, Apple ha rimosso e negato qualunque applicazione che potesse interagire con Bitcoin. Anche di recente la compagnia californiana ha chiesto agli sviluppatori di Gliph di rimuovere tale possibilità. Ma qual’è la ragione che ha portato Apple, e porterà, a rifiutare queste app? L’azienda ha risposto ufficialmente, affermando che queste applicazioni incoraggiano e facilitano attività che “non sono legali in tutti gli Stati”.

bitcoinchart

Per chi non fosse al corrente, Bitcoin è una moneta, controllata da nessuno Stato, che esiste solo in modo digitale. Un Bitcoin può essere trasferito da un “portafoglio” digitale all’altro e il suo valore (nell’ultimo mese) è oscillato tra 400 e 1200 dollari. Questa moneta non può essere definita illegale, essendo utilizzabili in tutto il mondo, stando anche a ciò affermato dal governo americano

I Bitcoin sono legali, e potrebbero diventare un ottimo strumento per acquistare oggetti online

Dove sta quindi il problema? Non essendo una moneta controllata, i Bitcoin possono essere utilizzati per acquisti di armi e droga sulla reta.

 E voi? Cosa ne pensate di questa moneta? Scrivetecelo nei commenti. 
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS