Lotta Champions, Dortmund e Schalke si giocano tutto

56
0
CONDIVIDI

Giornata importantissima in Bundesliga. A Dortmund va in scena il big match tra Borussia e Bayer Leverkusen valido per il secondo posto. Con tre punti di ritardo sulle “Aspirine” di Sami Hyypia, Jurgen Klopp e suoi ragazzi non possono più sbagliare. Inutile parlare di infortunati in casa dei gialloneri, che non potranno contare neanche sul talento di Marco Reus infortunato. Gli impegni di Champions League inevitabilmente condizioneranno il match, perché tra martedì e mercoledì entrambe le squadre si giocheranno gli ottavi di Champions League contro Marsiglia e Real Sociedad. Nessuno dei due tecnici farà turnover e si prevede un sfida ricca di gol anche considerando i tanti complimenti che i due tecnico si sono scambiati nei giorni scorsi.

Altra sfida caldissima è quella di M’gladbach dove i Fohlen ospiteranno lo Schalke 04 per il primo match-point valido per il quarto posto. Borussia fino ad ora sempre vittorioso in casa e consapevole che una vittoria contro gli uomini di Keller, potrebbe eliminare dalla corsa Champions una delle rivali più accreditate. Lo Schalke vuole restare agganciato al treno europeo almeno fino alla pausa invernale, aspettando qualche regalo importante (che arriverà) dal ds Heldt che è scatenato sul mercato. Squadre pressoché già fatte con l’unico dubbio in casa Schalke relativo all’utilizzo di Meyer. Raffael, grande ex, ha promesso battaglia. Per il tecnico Keller, si tratta del primo test per meritarsi la conferma. Tra oggi e martedì si decide il suo futuro. Potrebbe approfittare di qualche passo falso proveniente da Dortmund il Bayern Monaco, che a Brema cercherà il 40.o risultato utile consecutivo. Non sarà facile contro un Werder alla disperata ricerca di punti e che in casa concede pochissimo. Per Guardiola si tratta infatti di un test molto probante. L’ex Petersen si affida alla cabala, sperando che la statistica e la legge dei grandi numeri, sorrida questa volta ai Verdi.

Non possono sbagliare neanche Stoccarda, Francoforte e Amburgo, ormai all’ultima spiaggia. Un altro passo falso, e dai sogni d’Europa ci si potrebbe ritrovare a lottare per non retrocedere. Svevi che sperano nella rinascita di Abdellaoue, mentre l’Amburgo spera di riavere a disposizione Van Der Vaart febbricitante fino a giovedì. Francoforte sospinto invece da un Joselu in stato di grazia e da una Commerz Bank Arena infuocata.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS