Folle gesto di una sposa: si rasa capelli a zero

797
1
CONDIVIDI

Una sposa ha scioccato i suoi ospiti al ricevimento nozze, consentendo al marito di raderle i capelli. Lo ha fatto per raccogliere fondi per la ricerca sul cancro.

Roxy, 31 anni, e suo marito Mick Greaves, 30 anni, hanno deciso di farlo il giorno del loro matrimonio a Sheffield, per dare più eco alla cosa. I neosposi che vivono a Swallownest nello Yorkshire, hanno entrambi perso dei parenti a causa della malattia. Solo un’ora dopo aver detto ‘si’, il signor Greaves ha preso una macchinetta per capelli e la ha passata sulla testa della moglie davanti a 80 ospiti che sono rimasti a bocca aperta.

capelli02

E’ da quando avevo 16 anni che mi volevo rasare la testa per la ricerca sul cancro, ma volevo che accadesse in un giorno memorabile. Ci ho pensato a lungo e all’inizio di quest’anno mi sono detta ‘ecco qual è il giorno memorabile: quello del mio matrimonio!’ L’ho detto a Mick e gli ho chiesto se era d’accordo. Lui mi ha posto una sola condizione: al momento del si avrei dovuto avere i capelli in testa. Poi mi ha detto che mi preferisce con i capelli lunghi, ma io sono bella comunque ai suoi occhi e posso fare quello che mi piace

La coppia si era conosciuta su un sito di incontri online nel 2010. Dopo aver parlato per diversi mesi, Roxy ha invitato Rick ad andarla a trovare, e dopo aver approfondito la conoscenza hanno deciso di unirsi in matrimonio. La quantità di denaro raccolto è più del doppio di quanto la sposa aveva fissato come obiettivo. Ben 1.300 dollari.

capelli03

Appena è iniziata la rasatura dei miei capelli, gli ospiti sono rimasti tutti scioccati, poi hanno iniziato ad applaudire. Circa un’ora dopo che ci siamo scambiati la nostra promessa di matrimonio i miei capelli non c’erano più. Nel corso della serata tutti hanno commentato su quanto mi stesse bene il nuovo look e di come fossero orgogliosi di me

capelli04

fonte | notizie

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS
  • Federica

    Da ammirare. Se potesse servire, li rasarei anch’io.