Crisi Wolfsburg, Hecking attacca i big

32
0
CONDIVIDI

Cinque sconfitte in otto partite. Non servono tante parole a giustificare il momento attuale del Wolfsburg, quando ci sono numeri così impietosi. Nonostante investimenti cospicui ad ogni stagione (Luiz Gustavo, 20 milioni al Bayern, è solo l’ultimo degli ingaggi milionari del club) la squadra appare sempre priva di quel mordente e di quella coesione di gruppo, necessari  per fare il salto di qualità. Dopo la sconfitta contro il Braunschweig, mai vittorioso fino ad ora, in casa Wolfsburg si respira aria di crisi. Il tecnico Dieter Hecking, analizzando la gara persa sabato scorso, non ha risparmiato critiche ai gioielli del club, arrivando addirittura ad “intimare” una loro cessione a fine stagione. I più criticati dal tecnico biancoverde sono stati il brasiliano Diego e il croato Olic, assenti ingiustificati nelle due sconfitte contro Bayern e Braunschweig:

“Per noi è un momento difficile, forse il più difficile da quando sono qui” – ha detto Hecking – “bisogna trovare un vero spirito di gruppo ed evitare che i calciatori vengano qui solo per i soldi. Voglio vedere impegno in campo e motivazioni vere. Credo che si debba valutare anche il nostro adattamento di gioco a calciatori come Diego ed Olic. Se il nostro gioco va in direzioni opposte, allora bisognerà valutare se rinnovare il contratto di questi due calciatori, che magari in molte circostanze, accentrando troppo su di loro l’intero gioco, snaturano tutta la squadra. Se loro sono i nostri giocatori di leadership, devono trascinare il gruppo e non deprimerlo. Bisogna prendere esempio proprio dalle squadre che giocano contro di noi, magari più povere ma piene di orgoglio e voglia di vincere”.

Parole precise e pesanti quelle del tecnico Hecking, che ha già fatto intendere di voler cambiare registro già dal prossimo turno di campionato. Complice anche la sosta per gli impegni delle nazionali, c’è tempo per sperimentare nuove soluzioni in avanti sperando di recuperare anche qualche infortunato.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS