Fregature su smartphone: pubblicità in-app come trappole?

1046
0
CONDIVIDI

Cari utenti smartphone e tablet, state attenti! Secondo quanto riporta G Data, i cyber criminali stanno utilizzando delle pubblicità in-app su larga scala per tendere trappole agli utenti e impossessarsi così dei loro dati personali e denaro. Per mascherare meglio questo loro intento offrono presunte soluzioni antivirus per Android. I criminali addirittura si propongono come fornitori di soluzioni per la sicurezza di G Data nei banner web che vengono mostrati. Gli utenti che cliccano su questi banner pubblicitari finiscono per l’iscriversi, senza accorgersene, a un servizio premium di SMS del costo di 15 euro la settimana. Secondo le prime indagini la società da cui è partita l’operazione è la Mobile Minded BV di Arnhem (Peasi Bassi) contro cui G Data ha già avviato un’azione legale.

Ralf Benzmueller, Head di G Data Security Labs, ha dichiarato:

La pubblicità in-app sta diventando sempre più allettante per chi organizza frodi online. Gli utenti dovrebbero leggere attentamente le offerte e le classiche parole in piccolo che stabiliscono termini e condizioni del servizio per evitare di cadere in trappole volte a estorcere i loro dati personali. Nel caso da noi scoperto i criminali offrono presunti servizi o soluzioni per la sicurezza mobile di G Data. Il processo di pagamento viene dirottato su un operatore mobile che fattura invece un servizio premium di SMS. “Ottenere un rimborso è spesso difficile dal momento che il pagamento è stato effettuato online e chi ha ideato la frode non può valutare la legittimità della protesta.

Ma dove agiscono questi cyber-criminali? Secondo gli esperti dei G Data Security Labs sono stati identificati casi certi in Finlandia, Polonia, Francia, Spagna e Paesi Bassi e si presume che quest’azione sarà presto estesa anche ad altre nazioni, come Germania e Italia.

Ma cosa bisogna fare quando si finisce in trappola? Gli utenti caduti in trappola dovrebbero rivolgersi al loro provider mobile e, facendo riferimento a quando specificato da G Data, chiedere un rimborso.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS