Kuehne al vetriolo: “Finalmente Fink è stato licenziato”

24
0
CONDIVIDI
Klaus-Michael Kuehne

Le sue dichiarazioni erano attese da tutto il mondo Amburgo, perchè Klaus-Michael Kuehne, pur non avendo nessuna carica ufficiale nella società anseatica, è uno dei maggiori investitori dell’Amburgo e soprattutto uno degli imprenditori più importanti e influenti della città. Già qualche settimana fa, dopo la debacle interna contro l’Hoffenheim, Kuehne aveva dichiarato tutto il suo disappunto per il tecnico Fink e per il direttore Kreuzer, rei a suo avviso, di aver sbagliato tutte le decisioni prese nella gestione tecnica e nel calciomercato. Il magnate tedesco aveva anche pronto un piano di rilancio del club, che prevedeva il suo ingresso in società (con l’apporto di grandi capitali finanziari) e l’arrivo in in panchina di Felix Magath come allenatore. A Sky Sport News, Kuehne ha salutato, a modo suo, l’ex tecnico Thortsen Fink:

“Finalmente Fink è stato mandato via. Non sono affatto sorpreso, anzi, bisognava farlo molto prima. La mia idea di portare un grande allenatore alla guida dell’Amburgo è sempre valida, Magath è pronto a subentrare”.

L’dea di ingaggiare l’ex tecnico di Bayern e Wolfsburg non invoglia però il presidente del club Carl Jarchow, che nella conferenza stampa di ieri aveva dichiarato che: “la società sceglierà con calma il successore di Fink, senza ingerenze e senza finanziamenti esterni”. Parole dirette, senza mezzi termini, contro l’odiato nemico Kuehne.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS