Twitter e MoPub: accordo sugli annunci digitali

641
0
CONDIVIDI

Twitter ha acquistato MoPub, azienda leader nel settore degli annunci pubblicitari, realizzando così quel progetto di digital advertising che era in programma per maggio di quest’anno. La notizia arriva da una comunicazione ufficiale fatta da Twitter sul suo blog. Lo scopo sarebbe, in definitiva, quello di permettere agli editori di applicazioni mobile Android e iOS, di gestire il loro inventario e ottimizzare le molteplici fonti di pubblicità – tra cui annunci diretti, annunci casa , pubblicità sulla rete e offerte in tempo reale attraverso il Marketplace MoPub; un ambiente dove acquirenti e venditori di annunci digitali possono incontrarsi e concludere affari.

Mopub-Ad-Network
Ma come funziona questo mercato di domanda e offerta sul digital advertising? In parte già la domanda lo chiarisce e in parte é merito dalla piattaforma di MoPub. Essa offre un’opportunità di scambio in tempo reale dove i brand fanno offerte per un certo repertorio pubblicitario che diventa disponibile nel momento stesso in cui viene creato (simile a Google Adwords). In sostanza, uno spazio pubblicitario viene creato quando si visualizza una nuova pagina in un’app per poi essere impacchettato e venduto insieme al resto dell’applicativo: tutto in millisecondi, ecco la forza di questo settore. Questo è esattamente ciò che Twitter sta puntando a realizzare grazie alla tecnologia di MoPub: costruire un mercato di offerte in tempo reale nella propria piattaforma così che gli inserzionisti possano più facilmente automatizzare i loro acquisti.

MoPub-Private-Marketplace-screenshot-1-1024x672
Vedremo più avanti gli esiti di questo cammino e se Twitter riuscirà a diventare un ambiente ad-hoc per l’automatizzazione del mercato pubblicitario digitale, come da lui stesso auspicato, ora che ha quasi tutti gli elementi per comprendere il lastricato del digital advertising e il business mobile. La parola a voi per esprimere nei commenti qui sotto le vostre opinioni al riguardo.

fonte | venturebeat

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS