Megaupload: la sua chiusura non ferma la pirateria

379
0
CONDIVIDI

Nonostante la chiusura di un colosso del file-sharing come Megaupload, la pirateria non sembra rallentare. I procuratori federali hanno arrestato sette uomini associati a Megaupload, compreso il fondatore Kim Dotcom, che si dice abbia guadagnato oltre 42 milioni di dollari nel solo 2010 grazie al sito, ora chiuso.

Sembrava una vittoria schiacciante anche per gli studios cinematografici e per le case discografiche, ma secondo Networks DeepField le cose non stanno proprio così.

Megaupload era responsabile di oltre l’80% del traffico file-sharign. Quando fu chiuso, a gennaio 2012, il traffico internet mondiale calò del 3%. La chiusura di questo colosso non ha fermato però la pirateria. Secondo DeepField, il traffico web relativo al file-sharing ha recuperato quasi immediatamente, grazie anche ad altri noti servizi come Rapidshare e Mediafire.

fonte | BGR

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS