Gol, qualità e giovani d’oro: questo Borussia Dortmund può davvero sognare?

97
0
CONDIVIDI
Borussia Dortmund

Tanti indizi cominciano a diventare delle prove importanti e inconfutabili. Questo Borussia Dortmund è davvero pronto per lottare per il titolo? Forse è presto per dirlo, ma le sensazioni dopo 7 giornate dicono chiaramente di si.

Lucien Favre ha svolto un lavoro impeccabile in giallonero già da questa estate, quando ha avuto la bravura di costruire un mercato intelligente e per certi versi scientifico. Sono arrivati calciatori duttili e di qualità, capaci di dare un’ossatura importante alla squadra senza scommesse o nomi altisonanti come era successo in passato.

Götze
Marco Reus e Mario Götze finalmente felici insieme.

Il miglior lavoro di Favre è stato fatto però sul cervello della squadra, che finalmente dopo anni di paure e titubanze è tornata cattiva e volitiva come ai tempi di Jurgen Klopp. Favre ha fatto sentire tutti importanti, dal primo all’ultimo calciatore della rosa. In base alla squadra che affronta, l’ex tecnico del Nizza cambia i suoi interpreti senza mai indebolire il gruppo. Così capita che sotto di un gol in casa contro l’Augsburg, entrino in campo Alcacer e Götze e che proprio loro ribaltino il risultato portando la squadra alla vittoria. Già, proprio Mario Götze. Favre è riuscito persino a recuperare mentalmente il numero dieci giallonero, il campione di casa che sembrava avviato verso un’altra stagione difficile. Sabato scorso è entrato in campo indiavolato, con degli occhi da tigre che non si vedevano da anni. Ha rincorso palloni che sembravano persi e con la sua immensa classe ha realizzato la rete del provvisorio vantaggio del Borussia. Lui è certamente l’emblema della rinascita giallonera. Lui è l’emblema di un gruppo che non ha paura di lottare e di vincere.

“Adesso crediamo in noi stessi. Nessuno ha paura, nessuno nasconde più la testa sotto la sabbia”

Roman Bürki

Macchina da gol – Un altro dei segreti del Borussia Dortmund è la sua vena realizzata in zona gol. Il merito è della continua rotazione in attacco dei suoi interpreti, capace di scardinare qualsiasi difesa grazie alla velocità ed alla loro grande qualità. Su 29 reti realizzate in tutti i match (tra campionato e coppa) sono andati in gol ben 13 calciatori diversi. Reus è il capitano di una banda di ragazzi terribili. E’ sempre più importante perchè agisce tra le linee e si fa trovare anche in area pronto a fare gol. Il mega talento Jadon Sancho è esploso proprio grazie ai suoi consigli diventando uno degli U20 più importanti del mondo. Bruun Larsen è sempre decisivo ogni volta che entra, Pulisic è finalmente un calciatore continuo e decisivo. E così Wolf, Alcacer Kagawa. Tutti sono calciatori “jolly”, capaci di giocare in qualsiasi ruolo dell’attacco. Questa è una caratteristica storica di Favre, che da sempre non punta su attaccanti statici ma piuttosto su calciatori capaci di non dare mai punti di riferimento agli avversari. Senza un centravanti vero, il Borussia ha uno dei migliori attacchi d’Europa.

L’importanza di Marco Reus – VIDEO 

Crederci? – Adesso o mai più, verrebbe da dire. Con l’entusiasmo dei suoi giovani e con la mente “sgombra” dal dover vincere per forza, Il Borussia può lottare seriamente per il titolo. Il Bayern Monaco ha dei problemi di assestamento, Schalke 04 e Bayer Leverkusen sono ancora in rodaggio e snella un’identità precisa. Il Borussia sembra l’unica compagine già pronta per recitare un ruolo da protagonista. Fondamentale però, sarà non perdere mai l’entusiasmo di questi giorni, la voglia di vincere sempre. A questo ci penseranno Favre e Sebastian Kehl, l’uomo giusto per sognare ma “con i piedi per terra”. Non è un caso se con il suo arrivo in società la squadra abbai ritrovato unità, valori, coraggio e voglia di vincere.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS