Caso Alario, è guerra tra River Plate e Leverkusen: adesso parola alla FIFA

57
0
CONDIVIDI
Lucas Alario

Lucas Alario è diventato, suo malgrado, il tormentone del calciomercato di Bundesliga dopo Ousmane Dembélé. L’attaccante argentino, voluto fortemente da Rudi Voeller dopo l’addio del Chicharito Hernandez, attende ancora il transfer dalla federazione argentina per scendere in campo con la maglia rossonera. Il caso ha preso ormai dimensioni apocalittiche, visto anche il recente intervento della FIFA. Ma andiamo con ordine.

Il Caso – Da una settimana Lucas Alario si allena con il Bayer Leverkusen, che ha versato al River Plate ben 24 milioni di euro, l’importo della clausola rescissoria del calciatore. Il problema è che l’importo è stato versato solo dopo che il River Plate aveva rifiutato la prima offerta da 14 milioni di euro + bonus, un importo ritenuto troppo basso da una società che non voleva comunque privarsi del suo attaccante. Voeller e Boldt cercavano di avvalersi di una vecchia clausola d’uscita che il calciatore aveva stabilito dopo il suo arrivo dal Còlon ma mai riconosciuta dal River. Il Leverkusen ha fatto svolgere ugualmente le visite mediche al calciatore in un centro specialistico di Buenos Aires e poi, dopo aver pagato l’intera clausola, lo ha portato in Germania anche contro il volere del club più antico della capitale argentina. Il Presidente del River D’Oforio è andato su tutte le furie ed ha deciso, anche per tutelarsi dall’insoddisfazione dei suoi tifosi, di pubblicare sul sito internet ufficiale i documenti ufficiali della trattativa con tanto di scambio mail.

Offerta Leverkusen
La prima offerta del Bayer Leverkusen in data 22 agosto.

A questo punto il River si rivolto anche all’Associazione calcio argentina (AFA) che ha stoppato il transfer del calciatore dichiarando che nessuno può interrompere unilateralmente un contratto quando è ancora in corso il campionato, art. 16 della FIFA.

Risposta AFA
Il documento dell’AFA che notifica l’avvenuto bonifico di circa 24 milioni di euro.

E in Argentina il campionato è in pieno svolgimento. Per tutelarsi dall’eventuale blocco del trasferimento, Voeller si è rivolto alla FIFA chiedendo di sbloccare subito il transfer per Alario visto che il Bayer ha pagato regolarmente versando l’intera clausola rescissoria. Cifra versata regolamento e riconosciuta anche dall’AFA a mezzo documento scritto spedito al River Plate (vedi in alto).

Risposta River Plate
La risposta negativa del River Plate alla prima offerta del Bayer Leverkusen in data 23 agosto.

La svolta – La fortuna per Voeller e per il Leverkusen potrebbe essere il ritardo con cui il River Plate si è rivolto all’AFA. Il Leverkusen ha scoperto infatti, dopo aver chiamato la FIFA, che il massimo organo calcistico mondiale non ha mai ricevuto nessun esposto ufficiale da parte dell’AFA e che quindi ritene valido a tutti gli effetti il trasferimento. Un ritardo che potrebbe dare la svolta a tutto il caso. Se non ci saranno interventi scritti, dalla prossima settimana Alario sarà a tutti gli effetti un clamore rossonero e potrà scendere in campo per dimostrare il suo talento.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS