Ecco il Note 8: la rivincita di Samsung parte dalla batteria

39
0
CONDIVIDI

Samsung ci riprova e lo fa in grande stile con la presentazione del Note 8, avvenuta in pompa magna oggi a New York. Una presentazione che sa di rivincita dopo il fallimento dello scorso anno del Note 7, affondato (e ritirato dal mercato) dopo almeno 35 casi di esplosione dovuti a un difetto della batteria.

Proprio dalla batteria Samsung è ripartita, garantendo una serie di controlli sulla base di rigidissimi protocolli mai messi in campo prima in 8 centri Samsung. Insomma, i problemi del Note 7 dovrebbero essere ormai alle spalle e gli utenti possono guardare a tutte le novità introdotte in questo phablet dalle dimensioni generose e dalla linea dolcemente stondata.

Spiccano in particolare le due fotocamere posteriori da 12 mp ciascuna. Un teleobiettivo e un grandangolo che possono lavorare anche contemporaneamente (modalità “acquisizione doppia”) e che promettono una grande qualità fotografica anche grazie allo stabilizzatore basato su tecnologia OIS (Optical Image Stabilization).

Lo schermo è uno dei punti di forza del Note 8 con il suo Super AMOLED Quad HD+ da 6.3″. La RAM è di 6 Gb e la memoria è espandibile fino a 256 Gb. Il cervello del Note 8 è invece un processore Octa-core da 10 nm. Come tutti i prodotti della linea Note anche l’ultimo nato in casa Samsung dispone del pennino S-Pen, una versione ulteriormente evoluta che consente di scrivere e disegnare in modo estremamente preciso.

Il Note 8 presenterà poi alcune caratteristiche già presenti nel fratello minore S8: l’assistente vocale Bixby, il sistema di blocco e sblocco tramite lettura dell’iride e un’elevata impermeabilità. Il Note 8 in Italia sarà commercializzato dal 15 settembre (è prenotabile da oggi) e avrà un prezzo di 999 euro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS