Sabato di amichevoli in Bundesliga: bene Hoffenheim e Mainz, cadono Lipsia ed Hertha

46
0
CONDIVIDI
Mainz

Tante le squadre tedesche impegnate ieri per le ultime amichevoli precampionato; tra due settimane infatti si comincerà a fare sul serio con il primo turno di DFB Pokal, mentre già sabato andrà in scena l’attesissima sfida di Supercoppa tra il Bayern di Ancellotti e il Borussia Dortmund del nuovo tecnico Bosz.

Il Lipsia, la squadra che nella scorsa Bundesliga si è piazzata proprio tra le due grandi, ha disputato ieri la prima partita dell’Emirates Cup, competizione di due giorni che apre da anni la stagione calcistica dell’Arsenal; a Londra la squadra di Hasenhüttl è stata sconfitta di misura dal Siviglia, subendo dal dischetto la prima rete di questa pre-season. Per il team targato Red Bull, privo di Werner alle prese con un affaticamento, novanta minuti per Augustin e soprattutto Keita, per il quale il Liverpool sembra aver alzato definitivamente bandiera bianca. Oggi alle 15 la seconda sfida del torneo con i campioni portoghesi del Benfica, strapazzati ieri dall’Arsenal padrone di casa.

Seconda amichevole in due giorni invece per il Werder Brema, che dopo il successo per 1-0 di venerdì ha sfidato ancora una volta il West Ham nella Betway Cup, competizione che ha chiuso il ritiro della squadra di Nouri nella Bassa Sassonia. Questa volta il risultato è stato di parità, con gli inglesi capaci di rimontare l’iniziale svantaggio siglato da Caldirola, ma raggiunti poi nel finale dalla rete del cinese Zhang, abile a sfruttare un cross di un altro nuovo arrivato, lo svedese Augustinsson.

Secondo successo nel ritiro tirolese per lo Stoccarda, che ha battuto i greci dell’Asteras Tripolis con un secco 2-0; i biancorossi, che si apprestano all’esordio in Bundesliga dopo un anno di purgatorio, hanno segnato un gol per tempo: ad aprire le marcature è stato Terodde, in campo con l’altro attaccante Ginczek nella prima frazione; nella ripresa ha invece chiuso i conti il Brasiliano Ailton, subito in gol dopo il suo arrivo in settimana dai portoghesi dell’Estoril Praia.

Di misura invece l’affermazione dell’Hoffenheim di Nagelsmann, che davanti a circa 11.000 spettatori ha battuto il Derby County a Pride Park, casa dei rams, squadra della Championship inglese. Il giovane tecnico tedesco ha schierato inizialmente la formazione con il 4-3-3, con l’ultimo arrivato Gnabry e Uth a supporto di Szalai, mentre solo nella ripresa si sono visti Kramaric e Wagner. Non a caso i gol sono arrivati nei secondi quarantacinque minuti, il primo con Rupp, il secondo proprio con l’attaccante della nazionale, che ha regalato ai suoi la vittoria dopo il momentaneo pareggio dell’ex Udinese Vydra con uno splendido sinistro dal limite dell’area.

Vittoria in terra inglese anche per il Wolfsburg, che pur con tanti giovani ha battuto agevolmente il Fulham, squadra che come il Derby inizierà nel prossimo weekend il proprio campionato. I lupi, che stanno disputando una buona preparazione in vista dell’atteso riscatto in Bundesliga, sono andati a bersaglio tre volte senza subire reti. In campo si è visto dal primo minuto anche Camacho, arrivato dal Malaga per rimpiazzare Luiz Gustavo, ma a mettere la propria firma è stato l’altro grande acquisto, il centrale americano Brooks, che con Knoche e Bruma può formare un ottimo pacchetto arretrato. Nella ripresa poi il risultato è stato arrotondato dal solito Mario Gomez, autore di una doppietta e già in forma campionato.

Proprio contro l’ex squadra di Camacho, il Malaga, è tornato a sorridere anche il Borussia Mönchengladbach, reduce dalla sconfitta di Norimberga che ha chiuso il ritiro bavarese; contro gli spagnoli Hecking ha schierato dal primo minuto Ginter e Stindl, reduci dalla Confederations Cup e rientrati in gruppo solo da una settimana. Nonostante una lunga serie di occasioni, soprattutto nella prima frazione, sono stati proprio gli iberici a passare in vantaggio, ma nel finale con orgoglio i fohlen hanno ribaltato la situazione: a decidere il match sono state le reti di Oxford, arrivato dal West Ham, e Raffael, bravo prima a guadagnarsi e poi a realizzare un calcio di rigore.

Prestigiosa anche la vittoria del Mainz, che tra le mura amiche ha piegato 2-1 il Newcastle, di nuovo in Premier dopo un anno in Championship; contro i magpies la squadra tedesca ha disputato una buona partita, segnale positivo in vista dell’inizio della stagione. Davanti a oltre 6.000 spettatori i padroni di casa hanno sbloccato subito il match con Oztunali, bravo a finalizzare una bellissima azione corale. Nella ripresa, dopo il momentaneo pari degli ospiti, il sigillo al match l’ha messo Fischer, che spera di rilanciarsi in Germania dopo una deludente stagione al Middlesbrough.

Proprio contro l’altra squadra del nord est inglese è sceso in campo l’Augsburg, uno dei club che si è mosso meno in Bundesliga, se non con operazioni minori; nella sfida al Boro i bavaresi sono passati in vantaggio dopo appena un minuto con uno strepitoso sinistro di Stafylidis da posizione impossibile, con il greco non nuovo a gol spettacolari come quello siglato ieri. Nel finale però, dopo il momentaneo pareggio di Braitwaite, i padroni di casa hanno portato a casa la vittoria grazie alla rete di Forshaw.

Infine, nella partita più attesa della giornata, l’Hertha Berlino non è riuscita a celebrare al meglio i suoi 125 anni di storia: nell’affascinante match contro il glorioso Liverpool la squadra della capitale ha perso nettamente per 3-0, non riuscendo a regalare una gioia agli oltre 54.000 spettatori accorsi sugli spalti per festeggiare una delle realtà storiche del calcio tedesco. Senza Selke, e con in campo i nuovi Rekik e Leckie, i ragazzi di Dardai si sono impegnati a fondo, ma nulla hanno potuto contro lo strapotere dei reds, pronti ad una stagione da protagonisti. In rete per la squadra di Klopp sono andati Solanke, Wjnaldum e Salah.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS