Dalla Masia a Milanello: alla scoperta di Gerard Deulofeu, nuovo colpo del Milan

77
0
CONDIVIDI

Dopo Marco Storari, preso in prestito dal Cagliari per sostituire il partente Gabriel, il Milan ha piazzato il secondo colpo in entrata prelevando, sempre in prestito, l’esterno spagnolo dell’Everton Gerard Deulofeu. La modalità con cui l’ex Barcellona è stato prelevato è il prestito, senza l’obbligo di riscatto che all’inizio la squadra inglese aveva intenzione di fissare a 12 milioni. Le prime parole in rossonero sono state: “Sono nel club più glorioso d’Italia.”, mentre durante l’arrivo all’aeroporto avevano destato curiosità le foto con la sciarpa di Ronaldo.

Deulofeu nasce calcisticamente nella cantera del Barcellona, e nonostante sia un classe 1994, esordisce giovanissimo nel 2011 in prima squadra, collezionando qualche apparizione in campionato e Champions League. Intanto diventa primatista di presenze e gol con l’under 21 iberica, vincendo amche due campionati europei con l’under 19. Aggregato in pianta stabile nel Barcellona B, segna e gioca con continuità in Liga 2, e condivide il campo con la generazione di Bartra, Montoya, Tello, Muniesa e Rafinha. Nel 2012 il giocatore vince la sua prima Liga, ma dopo un infortunio alla caviglia, e il ricambio generazionale nella cantera blaugrana, il club decide di cederlo in prestito all’Everton.

Deulofeu con la maglia del Barcellona.

In Inghilterra il giocatore riesce a trovare una certa continuità, segnando anche gol importanti come quello contro l’Arsenal. Con l’allenatore spagnolo Roberto Martinez, Deulofeu è il titolare di una squadra che riesce a collezionare addirittura 72 punti in Premier League, miglior risultato della storia dell’Everton, classificandosi al quinto posto e guadagnandosi l’accesso alla seguente Europa League. Competizione che Deulofeu però, conquisterà con un’altra maglia. Il Barcellona per il 2014-15, infatti, lo cede in prestito al Siviglia, con il quale nonostante la concorrenza sulla fascia, porta a casa il suo primo trofeo internazionale, andando a vincere l’Europa League.

Deulofeu con l’Europa League vinta con il Siviglia.

Per il 2015 l’Everton decide di investire 6 milioni, e lo acquista a titolo definitivo dal Barcellona, che però aggiunge una clausola di recompra a 16. Nonostante in panchina sieda ancora Roberto Martinez, il club non riesce ad ottenere i risultati sperati, e a maggio il tecnico viene esonerato a favore di David Unsworth, che termina la stagione all’11esimo posto. Nonostante tutto Deulofeu gioca 36 partite, riuscendo a ritagliarsi un posto da titolare. Per la stagione in corso, però, lo spagnolo non è nei piani del nuovo ct Koeman, che prende la decisione di cederlo in prestito al Milan.

Alcune azioni di Deulofeu con la maglia dell’Everton –

 

Per i rossoneri l’ex Barça può rappresentare un ottimo profilo low-cost, giovane e che può inserirsi velocemente in un gruppo in cui gioca anche il connazionale Suso. È proprio vedendo i risultati ottenuti da Suso, che Galliani ha deciso di puntare su Deulofeu, convinto che possa avere lo stesso impatto dell’ex Liverpool. Montella è sicuramente in grado di valorizzare i giovani che ha in rosa, e lo sta dimostrando la crescita che stanno avendo giocatori come Romagnoli, Niang e Locatelli.

Nonostante un budget pari a 0€, dovuto al cambio di proprietà che sembra ormai imminente nella società rossonera, il condor Galliani ha dimostrato ancora una volta di essere lontano dal “pensionamento”, nell’attesa che Deulofeu in questi sei mesi confermi o smentisca le aspettative dei tifosi milanisti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS