Il Borussia vince il Klassiker, Aubameyang affonda il Bayern e lancia il Lipsia in vetta solitaria

116
0
CONDIVIDI
Dortmund

La corsa e la grinta hanno avuto la meglio sulla straordinaria qualità dei Campioni di Germania. Con le armi che le sono più consone, il Borussia Dortmund fa suo il Klassiker battendo 1-0 il Bayern Monaco grazie all’acuto di Aubameyang, nuovamente capocannoniere in Bundesliga con 12 reti insieme a Modeste. Il Bayern trova nella Ruhr la prima sconfitta stagionale e la 250.a nella sua storia in Bundesliga. Un insuccesso che dimostra quanto Ancelotti non sia riuscito ancora a trovare la quadratura del cerchio del suo Bayern, con alcuni interpreti, vedi Alonso, Muller e Thiago, ancora non all’altezza delle loro prestazioni migliori. Adesso il Lipsia è scappato a a +3, mentre il Borussia si è riportato sotto a -3 proprio dai bavaresi. La lotta per il titolo si è accesa improvvisamente in una sera di novembre quando tutti pensavano che fosse già terminata.

La prima sorpresa la regalano i due tecnici, con Tuchel che spedisce in panchina Guerreiro e Castro affidandosi al colombiano Ramos in attacco al fianco di AubemayangAncelotti si affida al genio di Ribery al posto del brasiliano Costa, con il francese che non giocava dallo scorso 24 settembre.

I primi 25′ del Borussia Dortmund sono meravigliosi, con il pressing e le velocità degni del primo Borussia di Jurgen KloppSchürrle è imprendibile sulla sinistra e persino un campione come Lahm fatica a contenerlo. I gialloneri trovano però il vantaggio dal lato opposto, con l’ex Mario Götze che lavora un bel pallone all’interno dell’area e serve un cioccolatino a Aubameyang che nell’area piccola tocca di sinistro alle spelale di Neuer.

Il Bayern fatica a creare gioco, con Ribery e Lewandowski gli unici a dimostrare di essere in partita. Nelle ripartenze però la squadra di Tuchel è micidiale e con Schürrle sfiora il raddoppio: cross in area di Götze e l’ex Wolfsburg in girata di destro specie il pallone tra le braccia di Neuer. I vari campanelli d’allarme svegliano i Campioni di Germania che sul finire del primo tempo provano una reazione grazie a Lewandowski che da solo costringe Bartra e Ginter agli straordinari.

Nella ripresa il Bayern entra in campo alla ricerca del pareggio e il copione della partita si capovolge: Borussia schiacciato e bavaresi alla caccia del gol con un Ribery scatenato. Il francese trova anche il pari ma viene (giustamente) annullato per fuorigioco. Ancelotti inserisce allora la rapidità di Douglas Costa al posto di Kimmich (non si capisce perché non al posto di un Muller irriconoscibile), con il Bayern sfortunato al 61′ quando Xabi Alonso colpisce la traversa con un destro da fuori area. L’occasione di chiudere la partita arriva però sui piedi di Aubameyang che al 70′ si invola tutto solo davanti a Neuer ma calcia sul portierone biancorosso sbagliando il colpo del KO. Gli ultimi 20′ infuocano il Westfalenstadion, con le due squadre che si abbandonano a una condotta di gioco fatta più di calci che di altro.

Dopo la solita sfuriata tra Ribery e Ramos (entrambi ammoniti), la Sudtribune accompagna il Borussia alla vittoria del Klassiker continuando la sua striscia positiva casalinga che arriva a 27. Vittoria meritata per i gialloneri du Tuchel, che ora si riportano a -3 dal Bayern tornando protagonisti nella lotta al titolo. Bravo il tecnico del Dortmund, a disegnare una squadra tutta velocità e grinta, sacrificando un po’ di qualità ma mettendo la gara subito sui suoi binari. Il Bayern non ha mostrato la sua forza, naufragando nel pressing del Borussia e non riuscendo a creare pericoli alla porta di Burki. Muller è apparso ancora l’ombra del calciatore straordinario ammirato fino alla passata stagione, mentre Lewandowski i è battuto da solo contro l’attenta difesa giallonera.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS