WhatsApp: un’istruttoria del garante per la privacy

74
0
CONDIVIDI
Whatsapp

Con le ultime versioni di WhatsApp è stata aggiunta un’impostazione di default al client di messaggistica, una novità che non è piaciuta a nessuno, visto che in sostanza si andrà a condividere i propri dati, numero di telefono a parte, con Facebook.

Niente di così strano, visto che l’azienda di Mark Zuckerberg possiede effettivamente WhatsApp, ma ha bisogno comunque del nostro permesso per utilizzare i dati di un nell’altro, permesse che però è dato di default. Sebbene sia possibile disattivare la condivisione dei dati, è comunque un’azione non richiesta da parte degli utenti, per cui è sicuramente necessario fare chiarezza sulla situazione.

A far chiarezza, dopo la Germania, ci pensa il Garante per la Privacy nostrano che ha appena avviato un’istruttoria con questa motivazione:

a seguito della modifica della policy effettuata da WhatsApp a fine agosto che prevede la messa a disposizione di Facebook di alcune informazioni riguardanti gli account dei singoli utenti, anche per finalità di marketing

In sostanza, come già detto, è l’utente che deve decidere se dare o meno le informazioni a Facebook, per cui l’impostazione andrebbe di rigore disattivata, almeno di default. Il dubbio poi del Garante della Privacy è uno in particolare: che tipo di dati condivide WhatsApp con Facebook?

Sappiamo solo che il numero di telefono non è condiviso, ma il resto potrebbe esserlo, anche se in realtà le chat sono protette da codifica end-to-end quindi WhatsApp in pratica non le può mai leggere. Il problema è che WhatsApp ha sede in Irlanda, è quindi difficile costringere Facebook a disattivare la funzione, lavorando come singolo stato: è più probabile quindi che l’Europa possa sistemare questo problema di Privacy, più che il Garante della Privacy, nonostante sia un segno importante che si sia mosso contro il social network.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS