Bundesliga, tutte le amichevoli del weekend: bene Mainz e Schalke, il Werder KO col Chelsea

107
0
CONDIVIDI
Mainz

Weekend ricco di amichevoli per le squadre di Bundesliga, che si avvicinano a grandi passi all’inizio della stagione; il kick off ufficiale sarà sabato sera, quando Bayern Monaco e Borussia Dortmund si sfideranno per l’assegnazione della Supercoppa, mentre nel weekend seguente tutte le 18 rappresentanti del massimo campionato tedesco scenderanno in campo per il primo turno di DFB Pokal, in attesa dell’avvio del campionato, in programma venerdì 26 agosto con il match tra i campioni in carica del neo allenatore Ancellotti ed il rinnovato Werder Brema.

Le partite di sabato:

Convincente affermazione per l’Hoffenheim, che nella prima stagionale alla Rhein-Neckar-Arena ha sconfitto con un gol per tempo il Chievo Verona, squadra che da anni milita in serie A; Nagelsmann ha schierato la squadra con un 4-3-3 molto offensivo, con Uth e Terrazzino a supportare il croato Kramaric, mentre nella ripresa si è visto come centravanti Sandro Wagner. Proprio l’ex attaccante del Darmstadt ha chiuso la contesa con un preciso colpo di testa, dopo che nella prima frazione era stato Uth a sbloccare il risultato, abile ad approfittare di un errato retropassaggio della difesa ospite e a depositare in rete dopo aver saltato il portiere.

Più sofferta è stata la vittoria dell’Hertha Berlino, che dopo la cocente ed inattesa eliminazione nei preliminari di Europa League è tornata subito in campo: contro la squadra dell’Al Jazira, rappresentante degli Emirati Arabi, Dardai ha mandato in campo i giocatori non impegnati nella sfida in terra danese contro il Brondby, compreso il portiere Jarstein, escluso giovedì a favore di Kraft. A decidere il risultato, dopo che gli ospiti avevano ribaltato l’iniziale vantaggio di Schieber, ci ha pensato il giapponese Haraguchi, che con una doppietta nel giro di sessanta secondi ha definito il 3-2 finale.

Successo di prestigio invece per l’Amburgo, che con il minimo scarto ha avuto la meglio dello Stoke City, squadra di buon livello di Premier League, che tra una settimana inizierà il proprio campionato; davanti agli oltre 23.000 spettatori del Volkspark Stadion Bruno Labbadia ha mandato in campo dal primo minuto l’ultimo arrivato Kostic, schierato con Gregoritsch e Muller alle spalle dell’americano Wood, ancora una volta preferito a Lasogga come terminale offensivo. La rete che ha deciso il match, arrivata in avvio di ripresa, ha portato la firma proprio dell’austriaco Gregoritsch, bravo a rifinire in rete un perfetto cross del terzino Ostrzolek.

Bella vittoria anche per il RB Lipsia, che in rimonta ha piegato gli spagnoli dell’Eibar; i baschi si erano portati sul doppio vantaggio grazie alla doppietta di Bebe, e ad un quarto d’ora dal termine la partita sembrava segnata. La squadra dell’ex Germania Est ha però reagito alla grande negli ultimi minuti, riuscendo a ribaltare il risultato grazie alle reti di Sabitzer e Poulsen, prima di un autogol di un avversario. Per il tecnico Hasenhuttl ottime risposte dalla squadra e soprattutto da Poulsen, che in attesa del ritorno di Selke dalle Olimpiadi potrebbe formare con Werner la coppia titolare d’attacco. Per la squadra controllata dalla multinazionale, pronta a calcare i campi della Bundesliga, va così verso la conclusione un ottimo precampionato, e si avvicina un match sentitissimo, quello di coppa contro i rivali storici della Dynamo Dresda.

A chiudere il programma del sabato è stato l’Eintracht Francoforte, che ha vinto ai rigori il trofeo Bortolotti, organizzato come ogni anno dall’Atalanta; a seguire i tedeschi sono arrivati in Italia oltre mille sostenitori, che hanno festeggiato per l’intera giornata con i gemellati bergamaschi. Sul campo si è vista una bella partita, terminata dopo 90’ sul risultato di 2-2, con il capitano Meier autore di una doppietta; dai tiri dal dischetto è stato decisivo Hrgota, che con la sua trasformazione ha regalato la vittoria agli uomini di Nico Kovac.

Le partite di domenica:

La prima a scendere in campo nella giornata di ieri è stato il Werder Brema, che dopo l’annullamento del match in programma con la Lazio ha avuto modo di confrontarsi con il nuovo Chelsea di Antonio Conte, pronto ai nastri di partenza della Premier League: davanti a quasi 25.000 spettatori che hanno affollato le tribune del Weser Stadion la squadra di casa ha subito l’immensa qualità tecnica dei blues, già avanti di due reti dopo dieci minuti; la reazione ha portato al gol del solito David Pizarro, al quale ha risposto prima del fischio di metà gara il centravanti ospite Diego Costa. Nella ripresa, dopo la consueta girandola di cambi, il giovane Thy e Pedro hanno portato il risultato sul definitivo 2-4. Da segnalare la presenza in campo per quasi tutto il match di Max Kruse, che nel nord della Germania cerca il riscatto dopo la deludente stagione di Wolfsburg.

Clamorosa quanto di immenso valore la vittoria del Mainz, che ha schiantato per 4-0 il Liverpool dell’amato ex Klopp, reduce dalla sonora sconfitta inflitta al Barcellona con lo stesso risultato; nel giorno del ritorno dell’ex tecnico del Dortmund nella città che lo ha lanciato come giocatore e soprattutto come allenatore, in oltre 31.000 sono arrivati anche per assistere alla prima della appena rinominata Opel Arena, con la casa automobilistica che sponsorizzerà lo stadio di Mainz almeno per i prossimi cinque anni. Contro i reds, scesi in campo con alcune seconde linee ma comunque con tanto talento, la squadra di Schmidt ha sfoderato una prestazione di enorme spessore, confermando una condizione fisica e tecnica già molto vicina al top; a decidere la sfida sono state le reti di Brosinski, Cordoba, Malli e Muto.

A chiudere il programma del weekend ci ha pensato lo Schalke, che come il Mainz ha conquistato un’amichevole di livello internazionale: i knappen hanno infatti avuto la meglio della Fiorentina, sicuramente un avversario ostico che potrebbe nuovamente trovarsi sulla strada dei tedeschi in Europa League. Con Embolo in campo dal primo minuto, così come Schopf e Huntelaar, l’attenzione se l’è presa tutta Choupo-Moting, autore di una doppietta, con il gol che ha aperto le marcature veramente pregevole; in mezzo il momentaneo pareggio di Kalinic, aiutato da un clamoroso errore in disimpegno di Geis, e la zuccata vincente di Naldo, che con Howedes ha la possibilità di formare sicuramente una delle coppie centrali più forti dell’intera Bundesliga.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS