Christensen lancia il Borussia: “Vogliamo la Champions, Schubert è il top”

100
0
CONDIVIDI
Christensen

Al centro di molte voci di mercato, che vorrebbero il direttore sportivo Eberl pronto ad un’importante offerta pur di acquistarlo a titolo definitivo, il difensore del Borussia Mönchengladbach Andreas Christensen ha rilasciato un’interessante intervista, parlando a ruota libera di vari argomenti, concentrandosi poi in particolare sulla stagione ormai alle porte.

Il centrale danese, arrivato dal Chelsea in prestito biennale nella scorsa estate, ha goduto di alcuni giorni di vacanza in più rispetto ai compagni, essendo stato impegnato in un torneo internazionale con la propria squadra, ma da un paio di settimane è tornato al lavoro: “la preparazione è molto faticosa, ma sappiamo quanto sia importante entrare in forma al più presto; l’allenatore ci fa lavorare sodo, ma c’è molto spazio anche per divertirsi”. Il Gladbach sarà infatti impegnato a metà agosto con i preliminari di Champions, già uno spartiacque della prossima stagione, che Christensen si augura ancora essere ricca di soddisfazioni: “i nostri obiettivi saranno quelli dell’anno scorso, ma siamo consapevoli che dovremo iniziare meglio; sarà dura mantenersi nella parte alta, ma cercheremo di qualificarci ancora in Europa e di migliorare la nostra posizione”.

Nel suo primo anno con i fohlen Christensen si è rivelato una piacevole sorpresa, facendosi applaudire per le sue capacità di anticipo e nello stacco, che insieme a doti tecniche superiori alla media per un difensore ne hanno fatto uno dei migliori giovani di tutta la Bundesliga. Il classe 96, che all’occorrenza è stato schierato anche nella linea mediana, ricorda in particolare due partite: “sicuramente la partita di Champions a Torino contro la Juventus è stata fantastica anche se è finita in parità, e la vittoria contro il Bayern è stata una grandissima emozione. Siamo riusciti a batterli in casa e a pareggiare a Monaco, e quest’anno ci riproveremo sicuramente”.

Il talento danese, che in campo avrà al suo fianco il connazionale Vestergaard, è stato votato alla fine della stagione come miglior giocatore dai tifosi, e ha ammesso che grande merito sia stato del tecnico Schubert, che ha creduto in lui: “Nelle prime sei partite ne ho giocate solo due, la situazione era delicata; poi il nuovo mister mi ha dato fiducia e una possibilità. La sua forza più grande è l’essere sempre positivo, e questo per me è stato fondamentale”.

In attesa dell’inizio del campionato, che vedrà secondo il centrale ancora il Bayern come assoluto protagonista, Christensen non vuole pensare al futuro, che potrebbe vederlo di nuovo a Londra o forse ancora a Mönchengladbach (Il Chelsea ha rifiutato un’offerta di 17 milioni di euro del Borussia), come ha confermato per l’ennesima volta stamattina Max Eberl, che alle domande dei tifosi su Twitter ha risposto di essere fiducioso, nonostante le tante difficoltà, che Christensen possa diventare un giocatore di proprietà del Borussia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS