Parte la stagione del Borussia Mönchengladbach, primo obiettivo la Champions League

136
0
CONDIVIDI
Borussia Mönchengladbach

Inizia ufficialmente mercoledì, al Borussia Park, la nuova stagione del Mönchengladbach, con il ritrovo di staff e giocatori, che già nel pomeriggio svolgeranno il primo allenamento agli ordini del confermato tecnico Schubert. Quello che prende il via è un anno molto importante per la squadra renana, che dopo gli ottimi risultati dell’ultimo quinquennio vuole provare a fare il salto di qualità, avvicinandosi alle due grandi potenze del calcio tedesco, ma soprattutto cercando di entrare per il secondo anno consecutivo nel tabellone principale di Champions League. Per raggiungere questo obiettivo, importante anche dal punto di vista economico, i fohlen non potranno fallire il doppio appuntamento del preliminare, che si svolgerà nel giro di una settimana nella seconda metà di agosto, con il ritorno che cadrà pochi giorni prima dell’esordio ufficiale in Bundesliga.

Vuoi conoscere tutte le novità del calciomercato di Bundesliga e le notizie più stravaganti provenienti dalla Germania?

Segui le nostre pagine Social

Facebook: https://www.facebook.com/tuttobundesliga/

Twitter: @TuttoBundesliga

Il cammino di avvicinamento al doppio confronto, contro un avversario che verrà estratto il 5 agosto a Nyon, prevede un intenso periodo di preparazione e di amichevoli, che saranno utili a Schubert per testare nuovi moduli di gioco e i nuovi acquisti, che avranno il compito di non far rimpiangere chi è partito. Si, perché le cessioni sono state molte e anche di grosso peso in casa Borussia: quella più eclatante è ovviamente quella di Xhaka, fortissimo centrocampista che a Mönchengladbach si è fatto apprezzare per la grinta e la cattiveria agonistica, ma anche per le indubbie doti tecniche; lo svizzero è passato all’Arsenal per una cifra record, oltre 40 milioni di euro, garantendo a Max Eberl, artefice di questa trattativa, il maggior introito possibile.

Oltre a Xhaka, capitano in campo nella stagione conclusa al quarto posto, ha salutato anche il vero leader, carismatico e non, del Borussia, quel Martin Stranzl che dopo una lunga carriera ha deciso di appendere gli scarpini al chiodo, osannato da quelli che sono stati i suoi tifosi negli ultimi anni. Hanno salutato la squadra anche Nortdveit e Brouwers, altri due pilastri della rinascita del Gladbach, mentre per Hrgota e Hinterreger si è scelto di non rinnovare il contratto, con il difensore austriaco che ha fatto ritorno a Salisburgo e il centravanti “di coppa” che ha scelto Francoforte per rilanciarsi.

A fronte di queste partenze sono già state però perfezionate alcune operazioni in entrata, una su tutte: Christoph Kramer tornerà infatti a vestire la maglia che tanto ha onorato nelle due stagioni trascorse sotto la guida di Lucien Favre, che l’aveva svezzato e consegnato al calcio europeo e mondiale come uno dei centrocampisti più promettenti. Il campione del mondo del 2014, dopo una stagione non esaltante con la maglia del Leverkusen, che ne deteneva il cartellino anche al tempo del fortunato prestito, ha scelto di ripartire ancora da Mönchengladbach, dove ritroverà senza dubbio l’ambiente ideale per proseguire quella crescita che si è un po’ interrotta negli ultimi dodici mesi.

Difficile pensare che possa sostituire Xhaka, con il quale peraltro formava una fantastica coppia nell’anno del terzo posto, ma al suo fianco troverà comunque un giocatore di grandissimo talento, il giovanissimo Dahoud, che nell’ultima stagione ha sorpreso piacevolmente per l’altissimo livello delle prestazioni prodotte, tanto da accendere su di lui i riflettori dei grandi club, con il Liverpool di Klopp che sembrerebbe disposto ad un grosso investimento pur di portarlo ad Anfield Road. A completare il centrocampo, in attesa di un altro possibile rinforzo, è arrivato anche Tobias Strobl, liberatosi dopo l’esperienza con la maglia dell’Hoffenheim: per il ventiseienne, che può essere schierato tranquillamente anche nel reparto difensivo, si profila il ruolo di nuovo Nordtveit, un giocatore spesso passato in secondo piano, ma che si è dimostrato fondamentale soprattutto nel lungo periodo, quando la stanchezza e gli infortuni hanno creato problemi di scelta al tecnico.

Il reparto difensivo si è invece arricchito di un ottimo elemento, Jannick Vestergaard, che ha chiesto ed ottenuto la cessione dal Werder Brema, squadra della quale era capitano nonostante la giovane età, scegliendo appunto Mönchengladbach per compiere un importante passo avanti nella sua già positiva carriera; al suo fianco il gigante danese troverà il connazionale Christensen, fantastico nel suo primo anno al Borussia Park, tanto da essere votato dai fan come miglior giocatore della stagione. Il ventenne, arrivato in prestito biennale dal Chelsea, ha stupito tutti per la serenità con la quale ha vissuto la prima stagione da professionista, ma soprattutto per le eccezionali doti, sia difensive che tecniche, essendo il giovane centrale in grado di ricoprire anche il ruolo di mediano; Eberl ha provato, e sicuramente continuerà a farlo, a rendere definitivo il suo acquisto, ma ovviamente la trattativa è molto complicata, anche perché Conte, nuovo manager dei blues, ha già espresso il suo apprezzamento per quello che è stato, per rendimento, uno dei migliori difensori dell’ultima Bundesliga.

A completare la rosa, in attesa magari di un altro paio di colpi, sono arrivati poi due giovani di prospettiva, che con i fohlen sperano di crescere e farsi conoscere al calcio europeo: il primo in ordine di tempo è Mamadou Doucouré, appena diventato maggiorenne; il franco senegalese, difensore centrale, è arrivato a titolo definitivo dopo l’esperienza con la seconda squadra del PSG, che nella stagione appena conclusa è andata ad un passo dal titolo europeo, sconfitta solo in finale dal Chelsea. L’altro colpo in ottica futura si chiama invece Laszlo Bénes, talentuoso trequartista slovacco classe 97 che arriva dallo Zilina, squadra con la quale ha già messo insieme un buon numero di presenze, otto delle quali nei preliminari di Europa League; Bénes, che in patria hanno già ribattezzato come nuovo Hamsik, ha firmato un contratto quinquennale, per la gioia di Eberl che è riuscito a strapparlo alle altre pretendenti.

Appuntamenti – Quello di mercoledì è il primo di una lunga serie di appuntamenti che vedranno coinvolto il Borussia nei prossimi due mesi: già sabato si disputerà un test amichevole contro i dilettanti del Rhede, squadra dell’omonima cittadina un centinaio di chilometri a nord di Mönchengladbach; dopo il secondo incontro amichevole, una settimana più tardi contro il Waldhof Manheim, i fohlen saranno impegnati nella UhrenCup, torneo svizzero che li vedrà affrontare, nel giro di 72 ore, lo Young Boys e lo Zurigo, due squadre di buon livello che militano rispettivamente nella prima e nella seconda divisione elvetica. Il 16 luglio Raffael e compagni si sposteranno poi a Rottach-Egern, dove anche in questa stagione la dirigenza ha scelto di disputare il ritiro precampionato; nel piccolo centro bavarese, a pochi passi dal confine austriaco, i ragazzi di Schubert rimarranno per una settimana, disputando anche un amichevole di buon livello contro il Monaco 1860. Concluso il ritiro, a cavallo dei mesi di luglio e agosto il Gladbach ha già in programma altre quattro partite, tra le quali spicca quella con il Chemnitzer, con i sassoni, militanti nella terza serie tedesca, che hanno scelto proprio il Borussia per inaugurare il rinnovato Gellerstrasse, stadio storico della squadra ammodernato negli ultimi due anni di lavori.

Con l’arrivo del mese di agosto arriveranno finalmente anche i primi impegni ufficiali, con il Borussia che disputerà il cruciale doppio preliminare il 16 o il 17 del mese, mentre il ritorno è previsto una settimana più tardi. In mezzo a questi due impegni, a congestionare una settimana di importanza capitale per tutta la stagione, è in programma il primo turno di DFB Pokal, con il Borussia che sarà di scena sul campo del Drochtersen-Allen, squadra semi professionista del profondo nord del paese. Il weekend successivo, quando i fohlen già sapranno se disputeranno la Champions League, o nel peggiore dei casi l’Europa League, avverrà l’esordio in Bundesliga, con il primo avversario che verrà estratto mercoledì, quando saranno stilati i calendari.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS