E-learning a 360°, dall’istruzione alla formazione tecnica

201
0
CONDIVIDI
elearning

La società sta affrontando una rivoluzione davvero importante e in questo processo di rinnovamento vengono coinvolti gli aspetti più significativi e complessi della nostra quotidianità. Grazie alla tecnologia e alla digitalizzazione dei processi, infatti, il web sta diventando sempre più spesso la casa di una serie di fattori cruciali per la nostra formazione e, dunque, per il nostro grado di professionalità.

Tutto merito delle piattaforme di e-learning, che consentono di svolgere sul web una serie di attività di formazione e istruzione di grande qualità, le quali hanno il vantaggio di essere facilmente fruibili dal Pc di casa. Vediamo dunque le più grandi novità che hanno coinvolto le piattaforme di e-learning a 360 gradi.

Si parte dal progetto SIGG

Stando a quanto rilevato dalla Società Italiana di Geriatria e Gerontologia, una badante su 7 non ha alcun tipo di formazione in merito al lavoro che svolge, non assicurando ai propri pazienti cure sicure e la doverosa tranquillità per fidarsi di una figura professionale ritenuta indispensabile da una certa fascia d’età. Parliamo di un problema gravissimo, dato che queste badanti maneggiano e somministrano quotidianamente farmaci che nemmeno conoscono, e che potrebbero mettere a serio rischio la salute dell’anziano.

Proprio per questo, la SIGG ha deciso di avviare in ben 9 regioni italiane un progetto di formazione per caregiver basato su 30 ore di formazione a distanza. Come? Attraverso una piattaforma di e-learning specifica, che possa preparare adeguatamente non solo le badanti, ma anche i familiari che si occupano dei propri cari.

La formazione universitaria online

Non solo formazione, ma anche istruzione. In Italia è infatti possibile trovare delle università che hanno saggiamente scelto di dedicarsi alla didattica a distanza, offrendo la possibilità ai giovani (ma anche ai lavoratori) di conseguire un titolo riconosciuto dal Miur. Da questo punto di vista, la Capitale si dimostra particolarmente all’avanguardia nel settore, potendo vantare alcune tra le più conosciute università online d’Italia come Unicusano, in grado di garantire anche una formazione post-universitaria con i master a Roma, i quali hanno un valore equipollente ai titoli rilasciati dai principali atenei.

Sono dunque corsi spendibili nel mondo del lavoro e inoltre offrono la possibilità di frequentare le lezioni attraverso le piattaforme di e-learning: un vantaggio notevole per ovviare alle spese da fuori sede, seguendo le lezioni dal Pc di casa, agli orari preferiti.

Ed infine la “classe capovolta” e il PNSD

Parliamo di un concetto che in Italia sta trovando, purtroppo, un terreno poco fertile, ma che in Europa è molto diffuso. Parliamo del flipped learning: la didattica capovolta che vede la fase di apprendimento avvenire attraverso dei video-tutorial, e la fase dei classici compiti a casa svolta, invece, in classe. Un metodo che permetterebbe di premiare la creatività e la condivisione dei compiti pratici. Eppure il futuro promette bene, considerando che il Ministero dell’Istruzione sta avviando un documento noto come PNSD (Piano Nazionale Scuola Digitale), che permetterà la diffusione e il rafforzamento di una filosofia, quella dell’e-learning, destinata a rappresentare il futuro dell’istruzione e della formazione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS