FOCUS Premier League – Il Tottenham vince e pressa il Leicester, Arsenal e Chelsea piangono in FA Cup

122
0
CONDIVIDI
Watford

Quarti di finale di FA Cup che hanno regalato come al solito grandissime emozioni e sorprese, che nella competizione più antica del mondo non mancano mai.

Il colpo grosso è arrivato per merito del Watford, che nel derby londinese contro l’Arsenal ha clamorosamente espugnato l’Emirates, eliminando i vice campioni in carica e super favoriti per la vittoria finale. Nella sfida di Londra i padroni di casa hanno controllato il gioco, creando più di un’occasione, fallendo però più volte il vantaggio soprattutto con Elneny. Gli hornets, che si sono limitati a difendere, hanno trovato invece il gol alla prima sortita offensiva della ripresa, quando Ighalo ha aggirato con astuzia Gabriel e ha scaraventato in rete, battendo Ospina. Dopo il gol subito i gunners si sono buttati in avanti alla ricerca del pari, negato solo da un super intervento di Pantilimon.

E così, in contropiede, il Watford ha chiuso la gara, con Guedioura che ha raddoppiato con una sassata di destro sotto l’incrocio; nel finale i padroni di casa, in gol con Welbeck, hanno incredibilmente avuto la palla del pari, con Iwobi che dal limite ha centrato in pieno il palo, e sulla ribattuta è stato proprio Welbeck a fallire una comoda occasione. Dopo due trionfi consecutivi dice così addio alla competizione la squadra di Wenger, che con il campionato e la qualificazione Champions ormai appese ad un filo rischia seriamente di chiudere la stagione senza titoli, ad eccezione del Community Shield conquistato ad agosto.

Nell’altro derby della capitale, il quarto di finale meno nobile, vittoria del Crystal Palace, che ha espugnato per 2-0 il campo del Reading, squadra di Championship; dopo una partita tosta, dove sono mancate le vere palle gol, il match è stato deciso nel finale, quando l’arbitro ha concesso un rigore molto generoso alle eagles, trasformato da Cabaye, anche fortunato nella conclusione centrale solo toccata dal portiere avversario. In pieno recupero è arrivato poi il sigillo di Campbell, di nuovo a bersaglio dopo quasi sei mesi.

Vola in semifinale anche l’Everton, che ha avuto ragione del Chelsea nel caldissimo incontro di Goodison Park; per entrambe le squadre la Coppa d’Inghilterra era l’unico obiettivo rimasto di una stagione travagliata e al di sotto delle aspettative, e a continuare il sogno sono i padroni di casa; grande merito della vittoria va all’attesissimo ex Lukaku, di fatto bocciato dai blues due stagioni fa, che ha siglato la doppietta decisiva: spettacolare soprattutto il primo gol, con l’attaccante belga che ha battuto Courtois dopo una serpentina tra i difensori ospiti, ridicolizzati dalla tecnica e dalla forza fisica del centravanti del 93. Addio dunque all’ultima speranza di titolo per il Chelsea, che da oggi dovrà necessariamente cominciare a pensare al futuro, dopo che questa stagione ha di fatto chiuso il ciclo vincente di Terry e compagni.

L’ultimo quarto di finale, il più atteso ed equilibrato, non ha dato ne vincitori ne vinti, con Manchester United e West Ham che si ritroveranno di fronte nel replay per decretare quale squadra farà parte delle migliori quattro. Ad Old Trafford è andato in scena un match bellissimo, grazie soprattutto al West Ham, squadra che ha dimostrato di giocare sempre e comunque un calcio offensivo, seguendo la mentalità del manager Bilic. A fissare il risultato sull’1-1 sono state due reti nella ripresa: la prima ad opera del solito Payet, che con una splendida punizione all’incrocio ha trafitto De Gea, la seconda e definitiva con Martial, che a pochi minuti dal termine ha finalizzato un perfetto cross di Herrera, regalando ai suoi, ed a tutti gli amanti del bel calcio, altri bellissimi 90’ da seguire.

Premier League

Trentesimo turno di Premier League atipico, con sette squadre impegnate nei quarti di FA Cup, solo quattro match disputati e uno, quello della capolista Leicester, in programma per questa sera.

Tra le big in campo, fa pienamente il suo dovere il Tottenham, che regola 2-0 lo spacciato Aston Villa e si porta momentaneamente a -2 dalla vetta: al Villa Park, in una partita dominata ma che stava avviandosi verso uno scenario negativo per gli spurs, a decidere è stata la doppietta del solito Harry Kane, che a cavallo dei due tempi ha chiuso la pratica, sfruttando al meglio due assist del sempre più prezioso Alli. Vittoria fondamentale quella della squadra di Pochettino, che al momento sembra l’unica vera alternativa al Leicester nella corsa al titolo.

Ormai definitivamente fuori, nonostante un match da recuperare, il Manchester City, che nell’anticipo dell’ora di pranzo non è riuscito a sfondare il muro eretto dal Norwich, alla disperata ricerca di punti salvezza. Le tante occasioni, create soprattutto con Aguero, non sono state finalizzate dai citizens, che hanno anche rischiato di perdere, soprattutto quando la traversa ha salvato Hart su un tiro dalla distanza di Bamford; con nove punti da recuperare sembra ormai impossibile la rimonta in classifica, con Pellegrini che cercherà in tutti i modi di arrivare alla finale di Champions di Milano.

Nella sfida tra Stoke e Southampton, due squadre tranquille e ormai senza più obiettivi, hanno vinto a sorpresa i saints, che arrivavano da un mese senza vittorie: al Britannia è tornato ad essere decisivo l’italiano Pellé, che dopo oltre quattro mesi senza gol ha messo a segno la doppietta decisiva, rendendo vana la decima marcatura in campionato dell’austriaco Arnautovic, che nella città della ceramica ha trovato la giusta dimensione per esprimere il suo potenziale.

A chiudere il quadro la pirotecnica vittoria del Bournemouth sullo Swansea per 3-2, arrivata dopo un match ricco di spettacolo ed emozioni; il gol nel finale di Daniels spinge le cherries a quota 38, ad un passo dalla matematica salvezza, traguardo storico per un club che fino a cinque anni fa navigava ai limiti del dilettantismo.

Risultati Premier League offerti da livescore.it

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS