Pentax K-1, il full-frame secondo Pentax

1011
0
CONDIVIDI

Dopo mesi di indiscrezioni e immagini teaser, pochi giorni fa Ricoh ha finalmente ufficializzato la nuova ed attesissima ammiraglia Pentax K-1, la prima reflex digitale pieno formato dello storico marchio giapponese.

Con un corpo macchina di dimensioni contenute, la K-1 incorpora al suo interno un sensore CMOS per la prima volta nel formato full-frame, con 36,4 megapixel e privo del filtro anti-aliasing che, abbinato al sistema di trattamento dell’immagine ad alta velocità e alla gamma di sensibilità ISO massima di 204.800, è in grado di fornire immagini ad altissima risoluzione e dotate di finissime gradazioni tonali, anche nelle condizioni di luce più difficili.

L’elaborazione dei dati prodotti dal sensore è affidato al potente processore d’immagine PRIME IV, capace di registrare nel formato RAW a 14 bit nonché di permettere all’utente di effettuare raffiche fino a 17 immagini in sequenza (o fino a 70 nel formato JPEG) alla velocità massima di circa 4,4 immagini al secondo.Pentax_K-1_FrontLa nuova DSLR Pentax è inoltre equipaggiata con un sistema di riduzione delle vibrazioni di nuova generazione capace di ridurre in modo significativo le eventuali vibrazioni e micromovimenti della fotocamera su cinque assi, fino a 5 stop di compensazione. Grazie al sistema Pixel Shift Resolution, la fotocamera in questione è in grado di acquisisce quattro immagini della stessa scena spostando il sensore immagine di un singolo pixel per ciascuna immagine, al fine di ottenere un’unica immagine ad altissima risoluzione, con molti più dettagli e  colori rispetto ai tradizionali sensori d’immagine pieno formato.

La capacità di movimento del sensore permette alla K-1 di offrire una grande varietà di funzioni di ripresa, livellamento automatico, la regolazione fine della composizione dell’immagine e ASTRO TRACER, che semplifica la fotografia astronomica grazie al modulo GPS incorporato.Pentax_K-1_TopPer quanto riguarda il sistema di messa a fuoco, la nuova Pentax K-1 impiega un modulo AF SAFOX 12 con 33 punti AF, di cui 25 a croce in posizione centrale. Ad esso si affianca il sistema Real-Time Scene Analysis System che, combinando un sensore esposimetrico RGB con circa 86.000 pixel al nuovo processore immagine PRIME IV, è in grado di assicurare un miglior inseguimento dei soggetti in rapido spostamento. Tale sistema effettua un’analisi in tempo reale della distribuzione della luminosità sul campo immagine e stabilisce le impostazioni di esposizione più accurate per il tipo di scena.

Pentax_K-1_Back

Esternamente invece, la fotocamera presenta un display LCD da 3,2 pollici e circa 1,037,000 punti, con un innovativo sistema di movimento che si avvale di quattro piccoli braccetti metallici che permettono di adattarlo facilmente a diverse situazioni di scatto. Il tutto è racchiuso in corpo macchina solido e compatto, dalle dimensioni contenute, con una calotta superiore realizzata in lega di magnesio e, grazie alle 87 guarnizioni, in grado di resistere a polvere, schizzi d’acqua e temperature fino a -10°C. Tra le funzionalità, da segnalare la possibilità di effettuare riprese video in Full HD a 1920 x 1080 pixel e con un frame rate di 60i/30p, e di essere controllata in remoto da Smartphone e Tablet grazie all’apposita app e al Wi-Fi integrato.

Per quanto riguarda disponibilità e prezzo infine, la nuova Pentax K-1 sarà disponibile da fine aprile a 1.999 euro. Per maggiori dettagli potete fare riferimento alla pagina dedicata sul sito ufficiale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS