Bill Gates e Mark Zuckerberg insieme per contrastare i cambiamenti climatici

246
0
CONDIVIDI

In questi giorni a Parigi si sta tenendo la COP21, la ventunesima conferenza delle Parti organizzata dalla United Nations Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) che ha come obiettivo quello di raggiungere un accordo vincolante accettato universalmente per contrastare i sempre più preoccupanti cambiamenti climatici che interessano il nostro pianeta.

In occasione di tale evento, il fondatore di Microsoft, Bill Gates, e il CEO di Facebook, Mark Zuckerberg, hanno ribadito l’interesse del settore verso l’ambiente con il lancio della Breakthrough Energy Coalition, un’importante iniziativa globale il cui scopo è quello invogliare investitori privati ad impiegare il proprio denaro nell’energia pulita, in particolare nei paesi in via di sviluppo.

Assieme a Gates e Zuckerberg hanno aderito all’iniziativa altri 26 investitori privati provenienti da 10 paesi, tra cui alcuni importanti nomi del panorama tech, come Jeff Bezos, fondatore e CEO di Amazon, Jack Ma, fondatore e CEO di Alibaba Group e Meg Whitman attuale presidente e amministratore delegato di Hewlett-Packard.

La Breakthrough Energy Coalition lavorerà a stretto contatto con Mission Innovation, un’altra importante iniziativa comprendente 20 nazioni tra cui Stati Uniti, Cina, Canada, Regno Unito, India, Brasile, Indonesia e Italia, che mira a raddoppiare, entro i prossimi cinque anni, gli investimenti pubblici nella ricerca energetica, con l’obiettivo finale di rendere l’energia pulita facilmente accessibile.

Leaders-Mission-Innovation-Launch-Event-cropped

Concludiamo con quanto scritto da Mark Zuckerberg in un post su Facebook: “Risolvere il problema dell’energia pulita è una parte essenziale per la costruzione di un mondo migliore. Non saremo in grado di fare progressi significativi in altre sfide – come educare o connettere il mondo – senza una fonte di energia sicura e un clima stabile. Tuttavia il progresso verso un sistema energetico sostenibile procede troppo lentamente, e il sistema attuale non favorisce il tipo di innovazione in grado di permetterci di raggiungere l’obiettivo velocemente”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS