E’ sempre Derby: Roma-Lazio, fra dubbi di formazione e voglia di vincere

206
0
CONDIVIDI

Il dodicesimo turno di campionato promette spettacolo, con la sfida più importante che andrà in scena all’Olimpico. Roma e Lazio si giocano il primo derby della capitale dell’anno, senza curve, ma con tantissima pressione addosso. I giallorossi giocano per riconquistare la vetta, persa la scorsa settimana nella sconfitta a San Siro contro l’Inter, mentre la Lazio ha bisogno di ripartire dopo il flop in casa contro il Milan. In settimana le due squadre hanno giocato rispettivamente in Champions ed Europa League, trovando due vittorie fondamentali per il passaggio del turno. La Roma ha vinto per 3-2 contro il Bayer Leverkusen, i biancocelesti hanno espugnato il campo del Rosenborg per 0-2 con la doppietta di Djordjevic. Una stracittadina che farà discutere per la scelta dei tifosi di entrambe le squadre di disertare le curve, a causa della decisione del prefetto di dividere i due settori a metà. Protesta che probabilmente non sortirà alcun effetto, e che rischia di penalizzare soprattutto lo spettacolo che il derby della capitale è solito regalare. Un derby senza curve equivale a dire derby senza coreografie, vera e propria partita nella partita fra le due tifoserie.

Tante assenze in casa Roma – La Roma arriva al derby con il morale altissimo dopo la sofferta vittoria contro il Bayer, che ha però lasciato la squadra di Garcia con tanti dubbi di formazione. Florenzi, Maicon e De Rossi hanno accusato dei problemi, mentre Pjanic sarà assente a causa del rosso rimediato contro l’Inter oltre al lungodegente Strootman. I giallorossi dovrebbero scendere in campo con il 4-3-3, con Sczcesny in porta alle spalle di Torosidis, Manolas, Rudiger e Digne. A centrocampo stringeranno i denti Nainggolan e Florenzi e si rivedrà Keita, mentre in avanti il tridente sarà costituito da Salah, Dzeko e Gervinho. Rudi Garcia ha comunque convocato tutti, per non precludere nessuna alternativa. In conferenza stampa il tecnico francese ha dichiarato: “La Roma sta bene, ha recuperato, anche la Lazio ha giocato 3 partite in 7 giorni. De Rossi da sensazioni importanti e verrà convocato, così come Florenzi e Maicon il cui recupero è stato buono. Dispiace il derby senza tifosi, ma ora devo pensare alla gara. Vogliamo i 3 punti per riprenderci il primo posto.”. Una Roma che dovrà evitare i cali di concentrazione visti nei secondi 45′ nel doppio confronto con i tedeschi se vorrà portare a casa il risultato. Dietro Rudiger e Torosidis non ispirano molta fiducia, ma l’attacco è in forma e Dzeko farà di tutto per ritrovare il gol in campionato che manca dalla sfida contro la Juventus. Pesa l’assenza di Totti, che non risulta neanche fra i convocati.

Salah e Gervinho, pericoli numero uno per la difesa laziale.
Salah e Gervinho, pericoli numero uno per la difesa laziale.

Una vittoria per il morale e per la classifica – La Lazio andrà in campo con la voglia di riscattarsi dopo le brutte prove contro Atalanta e Milan, e per ritrovare la fiducia nei propri mezzi che la truppa di Pioli sembra aver perso al termine della stagione scorsa. Contro il Rosenborg il tecnico ex Bologna ha effettuato un maxi turnover, dando fiducia a molti giocatori che hanno trovato poco spazio come Morrison e Hoedt. Ma l’unico giocatore promosso nella formazione titolare che giocherà domani è il Cobra Djordjevic, autore di una bella doppietta in terra norvegese. Pesa come un macigno l’assenza di De Vrij, che ha dimostrato come il suo apporto dia sicurezza a tutto il settore difensivo. Senza il centrale olandese la coppia Gentiletti-Mauricio ha sempre fatto difficoltà soprattutto in fatto di velocità. Difficoltà che i tifosi sperano di non vedere domani contro le frecce giallorosse Gervinho e Salah.

Nella formazione titolare Gentiletti e Mauricio comunque dovrebbero essere aiutati da Basta e dal più difensivo Radu, con Lulic spostato nella linea dei 3 di centrocampo. Marchetti si prenderà le chiavi della porta, nonostante la prestazione opaca contro il Milan, mentre a centrocampo oltre a Lulic giocherà Biglia e il rientrante Parolo. Recupero importantissimo per Pioli, che in avanti spera nel riscatto di Felipe Anderson e Candreva ai lati di Djordjevic in ballottaggio con Klose. In conferenza stampa il tecnico laziale ha detto che: “La Roma per quanto ha speso deve vincere, ma noi andremo in campo per ottenere i 3 punti. Vedere il derby senza tifosi spiace a tutti. Abbiamo dei valori ma non siamo riusciti a dimostrarlo peccando di mancanza di continuità. Credo in questi ragazzi, la vittoria europea ci ha fatto bene e vedo che c’è la giusta miscela di concentrazione e voglia di vincere.”. I supporter biancocelesti si augurano che non siano frasi di circostanza. Lazio che finora ha dimostrato di avere troppi alti e bassi, con prestazioni da primi tre posti alternate a match da retrocessione. La difesa è troppo fragile mentre Candreva sembra il fantasma di sè stesso, con solo un gol realizzato finora.

Djordjevic e Parolo si rivedranno tra i titolari per il derby.
Djordjevic e Parolo si rivedranno tra i titolari per il derby.

Derby che può significare, come successo in molte altre occasioni, la svolta per tutta una stagione. La Lazio si augura di spiccare il volo e frenare i cugini, idem la Roma. Pioli vuole trovare la prima gioia in una stracittadina, mentre Garcia farà di tutto per impedirglielo. Ingredienti che daranno sicuramente vita a una partita appassionante, come ogni derby che si rispetti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS