FOCUS Premier League – Cinquina del City in attesa del derby, pari all’esordio per Klopp

45
0
CONDIVIDI
City

Sei gol prima della sosta al Newcastle, cinque al ritorno in campo dopo quindici giorni: passa il tempo ma non le abitudini per il City, che all’Etihad demolisce il Bournemouth e mantiene la testa della classifica; senza Aguero, fuori probabilmente per almeno un altro mese, è Sterling a prendersi la scena con una tripletta: il giamaicano per la prima volta in stagione è il vero trascinatore dei citizens, che arrotondano il risultato grazie alla doppietta di Bony, sempre pronto nelle (rare) occasioni in cui viene chiamato in causa.

Alle spalle della squadra di Pellegrini, appaiate a quota 19, Arsenal e Manchester United, che si erano affrontate nell’ultimo turno, quando i gunners strapazzarono i red devils con tre reti nei primi venti minuti; ancora una volta Sanchez e compagni hanno impiegato ben poco per chiudere la pratica. Dopo un primo tempo poco spettacolare infatti, il cileno ha sbloccato le marcature con la sesta rete consecutiva, e nel giro di pochi minuti prima Giroud e poi Ramsey hanno spento le velleità del Watford, che si presentava con la miglior difesa del torneo. Stesso risultato anche per la squadra di Van Gaal, che pur senza strafare non ha problemi a vincere sul campo dell’Everton, irriconoscibile dopo un periodo molto positivo. Schneiderlin, Herrera i marcatori delle prime due reti, con il tris servito dal grande ex Rooney, di nuovo in gol nello stadio che lo ha fatto conoscere al grande calcio dopo più di 8 anni. Tanti applausi comunque per l’ex toffee, come sempre molto amato dal pubblico di casa, che con la rete di sabato raggiunge a quota 187 in Premier Andy Cole, e diventa il secondo marcatore di sempre dopo l’irraggiungibile Alan Shearer.

Alle spalle delle tre grandi, che hanno ormai certificato il loro predominio, continua la corsa del West Ham, che nel derby tra sorprese batte 3-1 i cugini del Crystal Palace, che pagano l’espulsione nel primo tempo di Gayle: l’ennesima vittoria in trasferta degli irons porta ancora una volta la firma di Payet, delizioso nel pallonetto che ha chiuso la gara nel recupero dopo il decisivo vantaggio firmato pochi minuti prima da Lanzini. Le eagles si vedono così superare anche dal Leicester, che non vince ma ancora una volta recupera un risultato che sembrava compromesso: a farne le spese questa volta è il Southampton che, avanti di due reti grazie ai centri dei centrali di difesa, deve subire la rimonta delle foxes, targata ancora una volta Vardy, autore della doppietta decisiva. L’attaccante inglese raggiunge così quota nove nella classifica marcatori, e diventa il quarto giocatore nato oltremanica in grado di segnare per ben sei giornate consecutive.

Klopp
I tifosi del Liverpool sognano in grande con Jurgen Klopp

Chi aveva gran parte dei riflettori puntati addosso era invece Jurgen Klopp, alla prima sulla panchina del Liverppol: la trasferta a White Hart Lane era probabilmente il banco di prova più impegnativo del momento, e lo 0-0 finale testimonia come il tecnico tedesco abbia già cominciato ad imporre la propria mentalità sui reds, costringendo sul pari un avversario in grande forma, e non subendo gol nonostante una formazione in piena emergenza. Meno bene la prima invece per Sam Allardyce, che all’esordio sulla panchina del Sunderland cede di misura al WBA di Pulis: decisivo ancora una volta Berainho, con i black cats che si accaniscono però sull’arbitro, reo di aver concesso il gol ai baggies nonostante una carica sul portiere, ma soprattutto di non aver fischiato il rigore che avrebbe regalato almeno un punto alla squadra del nord del paese. Sunderland ancora senza vittorie, mentre per gli acerrimi rivali del Newcastle, ospiti allo Stadium of Light domenica prossima, sono arrivati i primi tre punti contro il Norwich, travolto dalla furia olandese Wijnaldum, autore di quattro delle sei reti dei magpies; il talento ex PSV è il vero trascinatore nel tennistico 6-2 del St James’, risultato comunque troppo severo per i canaries, che ad inizio ripresa hanno più volte sfiorato il pareggio, prima del crollo finale. Torna a sorridere invece Mourinho, che in un colpo solo ritrova Diego Costa e vittoria; l’ex attaccante dell’Atletico Madrid è decisivo nel 2-0 interno all’Aston Villa, che risolleva il morale dei blues ma non cancella i problemi di una squadra comunque in difficoltà, alla quale serviranno prove più impegnative per giudicare se è veramente guarita da una crisi che l’ha già di fatto tagliata fuori dalla lotta per il titolo.

Nel posticipo, terza vittoria consecutiva per lo Stoke, che espugna 1-0 il campo di uno Swansea in caduta libera, incapace di vincere da quasi due mesi; a decidere il gol dal dischetto di Bojan.

Ecco nel dettaglio i risultati della nona giornata:

Risultati Premier League offerti da Livescore.it

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS