Tutti contro Piquè, in Spagna è bufera contro il giocatore

1830
0
CONDIVIDI
pique

Incredibile quanto sta succedendo al calciatore Gerard Piquè in patria con la maglia della nazionale. Il difensore del Barcellona ha sempre difeso il suo “catalanismo” e ciò non va giù al pubblico spagnolo. Ogni volta che scende in campo con le Furie Rosse viene subissato di fischi e aspramente criticato, tanto che c’è chi sostiene che non andrebbe più convocato con la roja. I sostenitori del Real, inoltre, non lo amano e cercano ogni occasione per dare addosso al centrale blaugrana, reo di aver preso in giro soprattutto Cristiano Ronaldo al termine del derby perso 4-0 contro l’Atletico Madrid. Inoltre durante i festeggiamenti della Supercoppa Europea vinta contro il Siviglia, Piquè aveva usato parole molto dure contro i tifosi delle Merengues. Non si ferma quindi il momentaccio del difensore, che durante la supercoppa di Spagna era stato espulso per aver insultato il guardalinee, rischiano fino a 12 giornate di squalifica. La replica del difensore era stata “Chiedo scusa, ma non ho insultato il guardalinee”.

Piquè insulta i tifosi del Real durante i festeggiamenti della Supercoppa Europea – VIDEO

 

Non si sono fatte attendere le parole di sostegno da parte di compagni e allenatore dopo la partita terminata con la vittoria per 2-0 sulla Slovacchia di Marek Hamsik. “Non capisco questo atteggiamento nei suoi confronti, è sgradevole e oltretutto Piquè ha giocato una grande partita.” ha detto il ct della nazionale Del Bosque. Supporto arrivato anche da Pedro e Jordi Alba, suoi compagni nel Barcellona la scorsa stagione, e compagni attuali di nazionale, che difendono il giocatore. “Non mi piace la gente che fischia un giocatore che ama la maglia che indossa. Siamo con Gerard” e “Piquè è un giocatore della nazionale e si è sempre impegnato. Ha sempre dato tutto, e questa situazione anche se cerca di non parlarne, non gli piace. Non mi piacciono per niente i fischi nei confronti di un compagno.”. Sono arrivate subito anche le dichiarazioni di Fabregas, legato molto al connazionale: “Piquè deve solo continuare a giocare come sa, il tempo cura tutte le critiche.” Intanto la federazione spagnola ha preso le distanze dai tifosi, soprattutto quelli del Real, spostando la sede dell’amichevole in programma il 13 novembre contro l’Inghilterra, in programma al Bernabeu. La partita verrà disputata al “Jose Rico Perez” di Alicante, ma difficilmente basterà ad evitare le polemiche e i fischi al difensore, dato che le ultime due partite a Leon e ad Oviedo sono state caratterizzate proprio da questi gesti dei tifosi.

Come se non bastasse, Piquè la sera stessa è stato beccato in discoteca a Gijon, visibilmente ubriaco dopo essere stato cacciato da un buttafuori. Riconosciuto dalle persone del posto è stato pesantemente insultato, e gli è stato urlato “borracho” ovvero “ubriaco” dai presenti. Una vera bufera sul difensore delle Furie Rosse, che si augura finisca tutto al più presto.

 

Pique discute con degli agenti di polizia.
Pique discute con degli agenti di polizia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS