Nintendo NX: indiscrezioni sulla nuova piattaforma ibrida di casa Nintendo

511
0
CONDIVIDI

Negli ultimi tempi sono emersi sempre più rumor e indiscrezioni circa il nuovo sistema di intrattenimento videoludico “ibrido” di casa Nintendo, nome in codice NX. La fonte delle ultime notizie arrivate e diffuse in rete sarebbe una persona “molto vicina alla compagnia”, che ha anche opportunamente dichiarato alla stampa di aver firmato un accordo di non divulgazione con Nintendo Japan.

Ovviamente si tratta di semplici rumor, di voci di corridoio, quindi invitiamo i nostri lettori a prendere tali informazioni con le proverbiali pinze.

Ecco a voi tutte le informazioni divulgate da marzo 2015 fino ad ora:

  • NX è una “piattaforma” che non si riduce ad un singolo dispositivo.
  • Con NX, Nintendo punta a produrre una piattaforma versatile sulla quale si possano sviluppare facilmente giochi per diversi dispositivi, sia per home-console che per console portatili, abbracciando pure il mercato smartphone e tablet. Ci sarà un forte supporto multipiattaforma, con feature come cross-buy, cross-save e cross-play, simile a quanto sta facendo Microsoft con Xbox One e Windows 10. Da qui la definizione di sistema “ibrido”.
  • La fonte in questione dichiara di aver avuto in mano numerosi brevetti di NX, alcuni dei quali ora pubblici.
  • A quanto pare, per questa nuova piattaforma, erano in sviluppo anche giochi di terze parti, quasi totalmente assenti sulla console casalinga di attuale generazione: Wii U. Ciononostante, ogni dispositivo avrà comunque i suoi giochi in esclusiva.
  • Wii U sarà ancora supportata da Nintendo e sarà ancora la console domestica di riferimento del 2016 per la grande N. Ciò fa pensare che vedremo NX non prima della seconda metà del 2016 o addirittura nel 2017.
  • Nintendo ha esplicitamente affermato quanto la console portatile  3DS sia ormai vecchia, e sia giunto il momento di rimpiazzarla. Verrà supportata ancora per un po’ di tempo, ma le risorse, il tempo e i lavori si concentreranno sulla nuova NX in versione portatile.
  • Il Nintendo ID sarà legato al singolo dispositivo, ma consentirà di condividere dettagli tra i diversi device tra cui contenuti scaricati, lista amici, partite in cooperativa locale, etc.
  • Il dispositivo portatile sarà mostrato nella primavera del 2016, e l’uscita dovrebbe essere prevista entro la fine dell’anno venturo, o al massimo a primavera 2017. Le sue specifiche saranno migliori di quelle di PlayStation Vita, ma non eccessivamente: la risoluzione dello schermo sarà di 540p, ma Nintendo sta tenendo in mente i possibili 720p in caso i costi di produzione dovessero abbassarsi. Questa versione portatile avrà una sua memoria interna, che sarà espandibile con apposite schede SD.
  • Il successore di Wii U, quindi il device fisso, non avrà un lettore ottico, che sarà invece opzionale. Potrà anche sincronizzarsi col device portatile per inviarle la sua versione dei giochi acquistati. Ciò fa pensare che i giochi saranno acquistabili esclusivamente via Digital Download. Le specifiche non saranno altissime, ma piuttosto vicine a PS4 e XONE. I giochi cross-platform avranno un aspetto migliore sulla home console. Il GamePad sarà compatibile con la home console, e Nintendo sta pensando di metterlo in vendita separatamente. Avremo infine  retrocompatibile con i giochi Wii U.
  • Nintendo sta ponendo grande attenzione al sistema anti-pirateria e sul sistema operativo. Hanno assunto personale che ha lavorato a Google e Android, e lavorano al progetto anche gli autori dell’OS di GameCube e del browser di Wii U. Ci sarà un versione ottimizzata dello stesso OS per ogni diversa piattaforma NX, con specifiche funzioni (proprio come in Windows 10, precisa la fonte). La volontà è quella di avere un OS più veloce e performante possibile su ogni singolo dispositivo.
  • Nintendo vuole mantenere ed estendere Miiverse, rendendolo un hub centrale per le comunicazioni tra giocatori e sviluppatori.
  • Saranno riviste le politiche di interazione e di chat vocale, anche se dipenderà dall’età degli utenti. La volontà di Nintendo è quella di tenere al sicuro i giocatori più giovani, come ha sempre fatto, del resto.
  • La console casalinga uscirà 6-12 mesi dopo quella portatile, andando a creare il “sistema NX”.
  • All’E3, Nintendo ha parlato del suo progetto ad alcune tra le terze parti più importanti del panorama videoludico. Parliamo di aziende del calibro di Capcom, Square-Enix, Ubisoft e EA, che sono già in possesso dei dev-kit.
  • I prezzi si aggirerebbero sui 200-300€ e dovrebbe esserci un bundle contenente sia la portatile che la domestica, in vendita a non più di 500€.
  • Molte di queste informazioni saranno trattate durante i futuri Nintendo Direct. Se Nintendo non avrà un nuovo CEO entro ottobre, ogni mercato avrà un differente conduttore.
  • Sarà mostrato un nuovo Mario 3D, e un nuovo trailer di Zelda.
  • Parleranno anche del nuovo Club Nintendo, funzionale alle necessità di NX.
  • Nintendo pondera di fare accordi con le compagnie telefoniche, che consentirebbero di gestire al meglio applicazioni come Miiverse e Club Nintendo, e magari di comprare software tramite il telefono.

Un progetto veramente ambizioso da parte di Nintendo che sembra voler abbracciare ogni campo possibile dell’intrattenimento videoludico, abbandonando i suoi vecchi e rigidi canoni che hanno portato col tempo ad una sorta di stagnazione del mercato console. Che sia una strategia vincente per uscire da una situazione ormai diventata scomoda e per iniziare a competere in maniera significativa con Sony e Microsoft?

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS