Balotelli e Cuadrado, due cavalli di ritorno in cerca di riscatto

532
0
CONDIVIDI

Dopo una stagione al di sotto delle aspettative in Premier, Mario Balotelli e Juan Cuadrado ripartono dal campionato italiano. Rimpiazzati senza troppi rimpianti dagli arrivi di Benteke e Pedro a Liverpool e Chelsea, entrambi svolgeranno le visite mediche oggi, rispettivamente con Milan e Juventus. Giocatori che nei moduli delle due squadre non dovrebbero partire titolari e che non escludono gli arrivi di altri obiettivi come Draxler o Soriano, ma rappresentano delle scommesse a basso costo su cui Marotta e Galliani hanno deciso di puntare.

Balotelli – Super Mario viene dall’esperienza tutt’altro che esaltante ad Anfield: con il Liverpool ha collezionato solo 4 gol in 28 presenze fra campionato e coppe, oltre a tante panchine. Proverà a rilanciarsi nella squadra di Mihajlovic, in un’operazione che il Milan ha concluso sulla base di un prestito secco con ingaggio in parte pagato dalla società inglese. Solo un anno fa i rossoneri avevano ricavato 20 milioni dalla sua cessione, dopo una stagione piena di alti e bassi, culminata con l’eliminazione nei gironi del mondiale da parte degli azzurri di Prandelli. Ultimo treno questo per l’attaccante, che cerca un posto anche in ottica Europei nella nazionale di Antonio Conte. Finora con il tecnico ex Juventus non è riuscito a trovare spazio, e gli sono sempre stati preferiti Pellè, Immobile e Zaza. I reparti offensivi del Milan e dell’Italia sono affollati e Mario dovrà lavorare per guadagnare un posto, dato che non è mai riuscito ad esprimere appieno il suo talento, venendo spesso criticato duramente a causa del suo atteggiamento in mezzo al campo.

Si era parlato anche di Sampdoria e Lazio per lui, ma il Milan e soprattutto Mihajlovic hanno dimostrato di crederci davvero, forti della sicurezza di avere un settore avanzato già importante e coperto dagli arrivi di Bacca e Luiz Adriano. Una scommessa che in caso di flop non dovrebbe condizionare troppo il cammino dei rossoneri, ma che se si dimostrasse azzeccata potrebbe far trovare al tecnico serbo un valido asso nella manica per la rincorsa Champions. Nella precedente parentesi a Milanello, Balotelli aveva realizzato 30 reti in 54 presenze, risultando spesso decisivo soprattutto sotto la gestione Seedorf. Con il suo arrivo dovrebbe quasi sicuramente sfumare il sogno Ibrahimovic, anche se con Raiola mai dire mai.

Capitolo Cuadrado –  il colombiano vive una situazione difficile al Chelsea dopo essere arrivato allo Stamford Bridge per la bellezza di 33 milioni di Euro più il prestito di Salah alla Fiorentina. Dopo 6 mesi anonimi la Juventus ha deciso di puntare su di lui, trovando l’accordo con i Blues per un prestito oneroso fissato a circa 2 milioni di Euro. Le due società si sono lasciate con l’accordo di discutere a fine stagione di un eventuale riscatto. Un colpo che sicuramente può servire alla squadra di Allegri, a patto che Cuadrado torni quello di Firenze, un’ala capace di accentrarsi e risolvere le partite da un momento all’altro, lontano parente del giocatore visto alla corte di Mourinho, che lo ha impegato con il contagocce.

15 presenze di cui solo 4 da titolare sono troppo poche per uno dei migliori esterni del mondiale in Brasile con la Colombia. L’ex Lecce dovrà prendere per mano una squadra orfana dei vari Pirlo, Tevez e Vidal, consentendo ad Allegri di giocare con il 3-5-2 o il 4-3-3, potendo venire impiegato sia come esterno destro di centrocampo, che come ala in un attacco a 3, dando l’imprevedibilità alla manovra che è mancata proprio contro l’Udinese. La Vecchia Signora darebbe la garanzia a Cuadrado di dimostrare il suo valore su palcoscenici più importanti di quelli assicurati dalla Fiorentina, giocare la Champions e far ricredere Mourinho che non ha mai apprezzato fino in fondo il giocatore. Un jolly per i bianconeri che non preclude l’arrivo del trequartista tanto desiderato dal tecnico juventino, anche se andrà a colmare l’ultima casella extracomunitario a disposizione in rosa. Domenica con la Roma potrebbe essere già impiegato, magari entrando a gara in corso. Un anno per tornare protagonista a Vinovo, è questo che si augura il calciatore e tutti i tifosi della Juve.

Balotelli e Cuadrado, due giocatori diversi, ma con lo stesso obiettivo: dimostrare di non essere quelli ammirati, e “scartati”, oltremanica.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS