CONDIVIDI
Expo 2015

Regna l’incertezza sui numeri di Expo 2015. Il Fatto Quotidiano ha smentito i dati resi noti dal commissario di Expo Giuseppe Sala, che ha parlato di 2,7 milioni di visitatori a maggio e 3,3 milioni a giugno.

I numeri pubblicati da Il Fatto dicono altro: gli ingressi a maggio sono 1.927.600 (772.400 in meno) mentre quelli di giugno sono 2.258.450 (1.041.550 in meno). Nel conteggio sono state prese in considerazione anche le persone che nei tornelli passano più volte al giorno, come gli addetti ai padiglioni, i volontari, i vigilanti e gli omaggi. Quindi, esclusi questi, in totale i visitatori che sono entrati non sono più di 1,6 milioni a maggio e 1,9 a giugno: non più di 3,5 milioni nei primi due mesi di Expo.

dati expo il fatto

Il presidente del Consiglio comunale di Milano, Basilio Rizzo, ha chiesto il numero esatto dei visitatori di Expo con una lettera indirizzata al prefetto. Anche la Lega, con l’avvocato Domenico Aiello che rappresenta Regione Lombardia nel consiglio d’amministrazione di Expo spa, uomo di fiducia del presidente Roberto Maroni, ha chiesto di mettere all’ordine del giorno del prossimo cda, che si terrà il 21 luglio, anche l’andamento degli ingressi.

Per Sala i visitatori non sono inferiori alle attese ma le previsioni iniziali erano di 4,1 milioni per maggio e 4,7 per giugno. Luglio, secondo Il Fatto, sta andando anche peggio. Questa mattina la società Expo 2015 spa ha pubblicato il numero esatto dei biglietti venduti nei primi 15 giorni di luglio. Sono 9.003.556 i biglietti emessi con sigillo fiscale dalla piattaforma ticketing della società. I visitatori che sono entrati a visitare l’Esposizione Universale nei primi quindici giorni di luglio sono stati circa 1,3 milioni.

Il Padiglione del Brasile ha invece accolto il milionesimo visitatore. È stato proprio Giuseppe Sala, insieme al direttore del padiglione, a omaggiare il fortunato visitatore: Lorenzo Fumagalli, un veterinario di Milano di 34 anni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS