CONDIVIDI
e-sim

Una e-SIM che manderà in pensione le attuali SIM card e il loro stesso concetto di esistenza. Samsung e Apple si sono unite per trasformare in realtà quello che Cupertino ha già provato a fare con le sue Apple SIM, ancora poco vantaggiose sotto il profilo economico e dedicate solo ai tablet.

Le due multinazionali, con il supporto di importanti carrier come Vodafone, Hutchison Whampoa/3, Deutsche Telekom/T-Mobile, AT&T, Telefonica, Orange e Etisalat, vogliono integrare le SIM all’interno dei dispositivi mobili rendendole impossibili da raggiungere. L’utente potrà cambiare operatore semplicemente scegliendolo dal sistema operativo. Un modo più rapido per scegliere il carrier che sta offrendo la migliore offerta, senza passare dal negozio o dal cal center.

Samsung e Apple provano a dire addio alle SIM. Saranno integrate negli smartphone

Non sarà facile trasformare in realtà tale progetto. Con il supporto di altre multinazionali, come Google, Motorola, Huawei, LG, Sony, BlackBerry e Microsoft, sarà più semplice risolvere le problematiche che affliggono l’utilizzo della SIM neutra integrata. Ad esempio come farà l’utente a spostare il proprio numero e il relativo operatore nella e-SIM presente nel nuovo dispositivo? Come verrebbe gestita la fornitura della copia dei contratti firmati e dei documenti d’identità (prevista per legge)?

Tutte domande a cui Apple e Samsung devono trovare risposta. Ci vorrà ancora qualche anno: la e-SIM potrebbe trasformarsi in realtà soltanto nel 2016. Senza contare gli anni di transizione necessari per dire addio a tutte le SIM tradizionali in circolazione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS