CONDIVIDI
MYllennium Award

Si è conclusa la prima edizione del MYllennium Award, contest rivolto agli under 30 e ai loro progetti creativi, ideato da Paolo Barletta in memoria del padre Raffaele, fondatore dell’omonimo gruppo costruttore. «Oggi si assiste sempre più alla ricerca di disintermediazione anche nel mercato del lavoro, è così che domanda e offerta di singole professionalità, cross-settoriali, hanno bisogno di trovare un luogo dove incontrarsi», ha commentato Barletta.

Nell’ambito della sezione MyStartup hanno vinto due applicazioni decisamente rivoluzionarie. La prima si chiama OpenMoveCapitanata da Lorenzo Modena, l’app crea e gestisce un sistema di bigliettazione per il trasporto semplice e veloce, già attiva in Trentino.

Openmove

«L’arena dei servizi di bigliettazione elettronica è ormai piuttosto competitiva, ma il grande vantaggio di OpenMove rispetto alle altre soluzioni sta nel fatto che la sua sia una piattaforma aperta e quindi possa fungere da aggregatore anche per servizi di terze parti. Abbiamo ritenuto vincente questa idea e voluto premiare la visione strategica di Lorenzo Modena e del suo team», dice Laura Mirabella, Managing Director uFirst.

La seconda è Salty, progetto di Diego Armando Capponi. È una delle prime app che ottimizza l’incontro tra domanda e offerta di prestazioni lavorative, dando centralità alla persona e rivoluzionandone le soluzioni. «Salty interpreta perfettamente questa esigenza, con una piattaforma che garantisce un’esperienza semplice e intuitiva che, siamo certi, ha tutte le potenzialità per avere un’ottima presa sul mercato», ha commentato Paolo Barletta, ad Gruppo Barletta Spa e presidente del Myllennium Award.

Salty

La giuria, che ne ha decretato la vittoria per originalità, qualità del servizio e utilità sociale, era composta da Paolo Barberis, consigliere per l’Innovazione del presidente del Consiglio dei ministri, Luca De Biase, direttore Nòva24 Il Sole 24 Ore e presidente Centro studi ImparaDigitale, Laura Mirabella, Managing Director uFirst e Riccardo Pozzoli, Ceo The Blonde Salad-Chiara Ferragni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS