Svizzera, al via i test per le spedizioni con i droni

396
0
CONDIVIDI
drone svizzera

Partiranno entro la fine del mese di luglio i test per le spedizioni con i droni in Svizzera. Ad annunciarlo le Poste svizzere, Swiss WorldCargo e Matternet, le tre società che lo scorso aprile hanno deciso di unire gli sforzi per trasformare in realtà le consegne con gli aeromobili a pilotaggio remoto.

droni consegna

Le consegne con i droni non andranno a sostituire i corrieri su due o quattro ruote, affermano le tre società. Verranno impiegati in situazioni ad alto rischio, come durante calamità naturali, per consegnare rifornimenti in zone difficili da raggiungere con i normali mezzi a disposizione. I droni potranno essere impiegati anche in casi di emergenza, magari per consegnare del materiale nei laboratori o negli ospedali.

I droni non sostituiranno i corrieri tradizionali

Durante i test, Matternet metterà alla prova il suo ONE, drone scelto per la consegna eccezionale dei pacchi sul territorio elvetico. Realizzato con materiali leggeri ma resistenti, il Matternet ONE è in grado di trasportare carichi fino a 1 chilogrammo anche a 10 chilometri di distanza con una singola carica della batteria. Il drone vola autonomamente, seguendo un percorso sicuro preimpostato che viene elaborato da un software cloud sviluppato da Matternet.

Anche se i test daranno esito positivo ci saranno alcuni nodi da sciogliere prima del via libera all’utilizzo per le consegne, tra cui la regolamentazione legislativa e il miglioramento delle performance. Matternet, infatti, sta lavorando per rendere i droni più efficienti sotto il profilo energetico, uno dei problemi più importanti dei modelli attualmente in circolazione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS