Udinese, Colantuono è già carico: “Voglio una squadra aggressiva”

157
0
CONDIVIDI
Colantuono

Parte oggi l’avventura dell’Udinese sotto la guida del neo tecnico Stefano Colantuono.  Il gruppo friulano è ancora un cantiere aperto ma la famiglia Pozzo ha promesso rinforzi di qualità per onorare al meglio il debutto nel nuovo stadio Friuli. 

Non mancano infatti entusiasmo e voglia di fare, al nuovo allenatore bianconero voglioso di plasmare la sua squadra. “Sono convinto di poter fare un buon lavoro, sfruttando le motivazioni del gruppo, che devono sempre esserci. Non credo che si possano ottenere i risultati soltanto con le motivazioni. La nostra caratteristica principale dovrà essere quella, ma poi serve organizzazione, ci vogliono le idee e un buon gioco”, ha dichiarato Colantuono. Arma in più della squadra friulana sarà il sempreverde Totò Di Natale che a 37 anni sarà una risorsa da gestire con oculatezza: “Questi sono discorsi che, fatti oggi, lasciano un pò il tempo che trovano. Al momento penso che dovremmo fare un lavoro più di qualità che di quantità. Lui dovrà correre, ma non in maniera eccessiva, perché vogliamo sfruttarlo per le sue peculiarità, come la pericolosità vicino alla porta. Ogni giocatore comunque andrà gestito in maniera personalizzata”.

 

L’ex condottiero dell’Atalanta non fa mancare anche una battuta sui nuovi arrivi di Ali Adnan ed Edenilson: “Edenilson ha fatto un buon campionato e lo conosciamo già. Su Ali Adnan mi fido ciecamente dello scouting. L’ho conosciuto stamattina e si vede che ha determinate caratteristiche, perfette per adattarsi al quinto di sinistra in un centrocampo a cinque. Edenilson ha caratteristiche simili; può giocare sia a destra che a sinistra. È un nuovo acquisto ed è un giocatore che in Italia ha già dimostrato buone cose a Genova”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS