SSD Samsung: un altro problema al firmware causa la perdita dei dati

1247
0
CONDIVIDI

Abbiamo già parlato dei problemi agli SSD di Samsung, che finora solo il modello 840 EVO aveva: sembra però che anche la serie PRO, dedicata agli utenti business, abbia i suoi problemi. A riferirlo è Algolia, una società che utilizza dei server per gestire delle API, e sembrano riguardare la funzione TRIM del kernel Linux.
La funzione TRIM, presente anche in Windows, serve per indicare ad un SSD quali blocchi sono da cancellare dalla memoria – riempendoli di zeri – dopo l’eliminazione di un file: tale funzione è automatica in tutti i sistemi operativi moderni ed è gestita dall’SSD stesso. Per chi fosse interessato ad approfondire trovate in questa pagina i dettagli del comando fstrim della console Linux.

Secondo quanto è riuscito a scoprire il reparto tecnico di Algolia, sembrerebbe che il firmware degli SSD Samsung 840 PRO e 850 PRO gestisca male i comandi di TRIM di fatto corrompendo i dati negli SSD, dati che non appartengono a file cancellati ma a file ancora in uso: il firmware interpreta il comando TRIM riempendo l’SSD di blocchi  da 512 KB di zeri, per cui se un file è più piccolo di 512 KB viene cancellato del tutto, mentre se un file è più grande viene corrotto.

sudo rm /etc/cron.weekly/fstrim è il comando per disattivare TRIM su Linux

La soluzione è una sola per ora, disattivare il TRIM sui sistemi Linux che utilizzano gli SSD 840 Pro e 850 PRO. Per farlo basta aprire la console e dare il comando sudo rm /etc/cron.weekly/fstrim, che cancellerà il file di configurazione di TRIM impedendone l’uso da parte del sistema. Algolia sta lavorando con Samsung dal 19 giugno scorso, con la speranza che tra qualche mese uscirà un nuovo firmware.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS